Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  Terzetto, di Grazia Giordani 04/05/2019
 
Terzetto

di Grazia Giordani


L’ascensore

«A che piano scende?»
«Per ora non scendiamo, siamo fermi.»
«Lei sarà fermo, io vorrei scendere.»
«Se si potesse, io vorrei salire!»
«Vede che è solo questione di mettersi d’accordo!»
«Allora, andiamo!»
ssssssssssssplascpataplasccccccccccccccccbummmmmmm
«Cos’è questo rumore?»
«Ah, niente, è solo la vecchietta del piano di sopra che è caduta nella tromba delle scale.»
«Non sapevo che le scale suonassero!»
«Solo la tromba, qualche volta, sempre in tonalità minore.»
«Così diventano gradini?»


Lo sbadiglio

«Si stirò, attorcigliata nelle coperte, e spalancò la bocca in uno sbadiglio così largo da contenere gran parte della sua vita. In effetti, fu proprio dentro quella voragine che ripresero a vivere i suoi fantasmi del passato Amori finiti, amori mai nati. Forse non stavano propriamente comodi, stuzzicati dalla lingua incatramata dal tabacco, così costretti dentro un’arcata di denti non proprio smaglianti.»
«Non mi piace l’incipit di questo tuo racconto – le disse, placido, il marito – normalmente scrivi storie eleganti, dove si respira un’aria chic…» 
«Sono cambiata…»
«Un nuovo amore?»
«Nuove passioni?»
«No, ma non riesco ad uscire dal mio stesso sbadiglio…»

martedì, maggio 18, 2004



Il citofono

«Benarrivata! Sei elegantissima!»
«Guarda, Sergio come sta bene questo vestito a Lara e come la smagrisce, la fa sembrare una libellula!»
«Ma Lara è una libellula.»
«Sediamoci a tavola.»
«Che bontà il tuo soufflé, Giuditta!»
«Che prelibatezza!»
«Grazie, grazie, grazie per la vostra divina ospitalità. E che cena squisita!»
«Grazie a voi per la vostra preziosa presenza.» 
(Blinnnnnnnnnnnnnn ascensore in discesa)
«Quella Giuditta peggiora di giorno in giorno; il suo soufflé era vomitivo.»
«E Sergio è un emerito cornuto.»

Morale: Mai ascoltare al citofono i commenti di amici che si stanno accomiatando da casa vostra… tanto più che Lara – mi assicurano – sembrava una mongolfiera...



www.graziagiordani.it



 
©2006 ArteInsieme, « 010834352 »