Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  La leggenda dell'albero di Reginella, di Giovanna Giordani 15/03/2020
 
La leggenda dell’albero di Reginella

di Giovanna Giordani



Si racconta che, in una piccola casetta di un paese adagiato alle falde di una possente montagna,  erano vissuti tanto, tanto tempo fa, un vecchio vedovo con la sua giovane figlia di nome Reginella.

Costei accudiva con cura il vecchio padre e spesso gli chiedeva di raccontargli com’era la sua mamma della quale proprio non poteva ricordare nulla in quanto, quando il cielo se l’era presa, lei era troppo piccola.

Pur sentendo sanguinare una ferita che non si era mai chiusa, il vecchio, per amore della figlia, cercava di accontentarla e le raccontava della bellezza e gaiezza della madre e di come era buona e gentile con tutti.

Reginella ascoltava estasiata e cercava di immaginarsi i lineamenti ed il dolce sorriso della madre.

Gli anni passavano implacabili. Reginella si era fatta una bella ragazza ed il padre era sempre più debole e stanco.

Un giorno passò da quelle parti un giovane signore e, mentre percorreva la strada principale del paese in cerca di un ostello, incontrò Reginella che usciva dal negozio del droghiere.

Colpito dalla sua bellezza la seguì e le chiese dove poteva trovare alloggio per quella notte.

Reginella guardò quel signore dall’aspetto gentile e, poiché in quel piccolo paese non c’erano ostelli,  pensò che avrebbe potuto chiedere al vecchio padre di ospitarlo presso di loro. Lo invitò quindi a seguirla nella sua umile casetta.

Il padre, naturalmente, non si oppose, anche perché non avrebbe mai osato rifiutare qualcosa alla sua buona e adorata figlia.

E così Reginella fece accomodare quel signore e si prodigò per preparare una buona cenetta per tutti e tre.

Erano così rari gli ospiti a casa loro.

Si accomodarono quindi attorno al tavolo e Reginella servì delle gustose vivande fumanti. L’ospite disse che era un ballerino alla corte del re;  il suo nome era Omar ed era molto felice del suo lavoro perché quando danzava si sentiva sereno e leggero e si scordava di tutte le cose tristi della vita.

Reginella lo ascoltava con interesse ponendo parecchie domande mentre le sue guance si facevano sempre più rosse.

Il padre guardava i due giovani in silenzio e all’improvviso sentì che i suoi occhi erano molto pesanti e non riusciva più a tenerli bene aperti. Si alzò dal tavolo e si sdraiò sulla poltrona ben ricoperta dai cuscini che la figlia aveva confezionato e ricamato per lui.

Fra un racconto e l’altro, il tempo fuggiva veloce e la notte stava avanzando a grandi passi.

Reginella disse che sarebbe andata di sopra a preparare la stanza per il giovane viandante e così lo lasciò solo con il padre.

Omar si avvicinò alla poltrona e si accorse che il vecchio si era addormentato. Lo lasciò ai suoi sogni ed attese il ritorno di Reginella la quale non si fece aspettare molto.

Si avvicinò alla poltrona del padre e lo invitò dolcemente ad andare a letto. Il padre non rispondeva.

Gli pose una mano sul volto per accarezzarlo e sentì sotto i palmi un gelo che la riempì di terrore.

Iniziò a gridare invocando il nome del padre, ma tutto era inutile.

      - E’ morto – disse Omar.

Il giorno successivo lo seppellirono accanto alla moglie.

Omar chiese a Reginella di partire con lui ed ella acconsentì.

Fu portata alla corte del re e le fu insegnata l’arte della danza. Ma Omar era scomparso. E questo era il suo grande cruccio.

Le piaceva danzare, ma sentiva molto la mancanza del padre e di Omar e, seppure vivesse in mezzo alla ricchezza e agli agi, non era felice.

Una sera, dopo l’ennesimo successo per una danza in onore degli invitati del re, Reginella, nella solitudine della sua stanza, pensò alla sua mamma.

La chiamò così intensamente che le sembrò che ella fosse lì, accanto a lei ad ascoltarla.

In quel momento una forte folata di vento gonfiò  i pesanti tendaggi che adornavano la stanza  e Omar in persona le apparve nel vano della finestra.
- Vieni, corri, non c'è tempo da perdere - la invitò concitato Omar.

Reginella era sconvolta dall’emozione e si lasciò sollevare dalle forti braccia del giovane che la condusse con sé.

Un cavallo nero li stava aspettando nella strada e,  appena furono ambedue in sella,  fuggì via al galoppo.

Correvano veloci, attraverso le stradine e poi, fuori, nei prati e poi su, su verso i boschi e la montagna.

     - Ti spiegherò dopo - le disse Omar.

     Quando gli parve di essere abbastanza lontano dal castello del re, fermò il cavallo e, dopo essere smontati dallo stesso, si sedettero su di un masso lì vicino.

     - Ti ho mentito – le confessò Omar. - Io avevo ricevuto l’incarico dal re di procurargli delle belle ragazze per insegnare loro la danza e rallegrare quindi le feste frequenti che organizzava al castello. Se non avessi obbedito mi avrebbe fatto tagliare la testa. Ma tu, eri talmente innocente e gentile che, dopo averti condotta da lui, sentii  muoversi dentro di me i rimorsi come serpenti.  Finché presi la decisione di rischiare la mia vita e di portarti via  -.

     -  Ti ringrazio, mio Omar, rispose Reginella. Io, infatti, non ero felice là,  in quel castello e il pensiero di te non mi lasciava mai. –

Mentre stavano parlando la prima neve cominciò a cadere e si preoccuparono subito di cercare un riparo. All’improvviso, però, udirono l’abbaiare furioso di cani ed Omar disse che erano stati sguinzagliati al loro inseguimento dai soldati del re,  per uccidere lui e riportare lei alla sua vita infelice.

La neve cadeva sempre più copiosa e Omar coprì Reginella di un mantello bianco che aveva portato con sé. Si alzarono in piedi e lui la strinse forte, sempre più forte, accanto al suo petto baciandola appassionatamente.

Poi, lentamente,  cominciarono a girare su se stessi, prima piano, poi più forte, poi sempre più forte, abbracciati come fossero un corpo solo mentre la neve li nascondeva in un gelido turbinio che faceva fremere tutto ciò che li circondava.

Giravano incessantemente, e da quel vortice bianco si formarono delle raffiche di ghiaccio che accecarono tutti i cani che si stavano avvicinando e così  i soldati rinunciarono all’inseguimento per paura di essere colpiti a morte.

Finché la calma ritornò.  Un bianco silenzio copriva ogni cosa.

Omar e Reginella erano talmente avvinghiati che nessuno mai più li avrebbe potuti dividere.

Col passare del tempo, da quelle parti fu visto un albero strano ed originale,  col tronco bianco chiazzato di scuro,  che si ergeva in spirali verso il cielo assieme ai rami ad esso attorcigliati come in un abbraccio forte e struggente. Nessun altro albero gli somiglia.

Fu così che, piano piano, nacque fra gli abitanti di quel luogo la leggenda dell’Albero di Reginella.

E ancora oggi, nel paese,  quando inizia a spirare il vento forte dell’inverno,  si va dicendo che Omar e Reginella stanno ricominciando a danzare, lassù nella foresta alle pendici della possente montagna.


 
©2006 ArteInsieme, « 010827274 »