Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  Una nuova giornata, di Carla De Angelis 09/06/2020
 
Una nuova giornata

di Carla De Angelis





Il tram scendeva a volte veloce; più spesso però andava a passo lento, pareva rispettasse i colori della sera che Roma assorbiva in quel tratto che va da Piazza Venezia a Via del Velabro. Le dieci ore passate in fabbrica sembravano lontane, come l’arroganza del capo ufficio della fabbrica dove lavoravo a quel tempo.

Avevamo una pausa di dieci minuti per la colazione, ma io non facevo mai in tempo a magiare tutto, così quel giorno passò porgendomi il cestino della carta perché sputassi ciò che avevo in bocca. Ingoiai tutto senza masticare, mentre mi scendevano le lacrime (di rabbia per l’ offesa? Non lo ricordo) .

Guardavo Roma che mi regalava quel tramonto, il tempo passava e non distinguevo più i contorni che mi circondavano. Il buio ormai era intenso, qualche lampione spandeva i suoi raggi , si avvicinava il momento più magico, godevo dell’andatura del tram e sentivo il fluire della sera, del ritorno a casa.

Iniziava una nuova giornata.



 
©2006 ArteInsieme, « 010834453 »