Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  Storie di Provincia 6, di Grazia Giordani 06/09/2020
 
Storie di Provincia 6

di Grazia Giordani



«Tienti pronta per un grande servizio, qualcosa di sensazionale!» - pressappoco questo è stato il tenore della telefonata del nostro medico di famiglia -!
«Ma di cosa dovrò parlare?»
«SSSSSSSSSSSSSSS»
«SSSSSSSSSSSSSSS ?»
«Silenzio, che anche i muri potrebbero sentirci!»
«Insomma, di cosa si tratta?»
«Fatti più vicina alla cornetta…»
«CSSPSSSTSSSTSTTTSZZ»
«Non ho capito niente!!!»
«Te lo dirò domani di persona»
«Clic»
«Ri-clic»
«Lino – domani, rivolta a mio marito – cosa dovrà dirmi mai il dottore?»
«
Mi digo ch’el xé deventà mato – Io dico che è diventato matto!»
E la notte era lunga e non passava mai.
E non veniva l’indomani.
E l’indomani venne.
«Un fatto grosso: a Badia c’è un’indemoniata»
«Non potrebbe essere un caso di follia?»
«No, no. Sana, è sana di mente, ma ha fenomeni di xenoglossia (per cui in stato di 
trance si esprime in lingue a lei sconosciute) e di levitazione…»
«Come le torte?»
«No, quelle lievitano»
Pochi giorni dopo, partiamo con un pullman, organizzato dal dottore, “abitatato” da partecipanti che avevano tutti più o meno qualcosa di demoniaco. L’indemoniata che “levitava” 
in primis, un giovanotto un po’ meno toccato dal satanico, in secundis, e poi c’erano mamme e nonne con indumenti da far benedire, di parenti discoli (soprattutto mutande, chissà perché?).
Arrivammo a Sarsina, sprigionanti zolfo e ansiosi di liberare dai demoni chi ne avesse in corpo.
Là c’era un famoso esorcista che avrebbe fatto al caso nostro.
Misero al collo di tutti noi il collare di San Vicinio, famoso esorcista del passato.
Tutti guardavamo l’”indemoniata”, in attesa che si scatenasse.
Niente. Pallidissima, se ne restava immobile e non dava segni di demoniaco.
Siamo venuti fin qua per niente, pensavo, rattristata. Non avrò nulla di cui scrivere. È stata una solenne “bufala”…
In quel mentre, un aitante giovanotto romagnolo, sostenuto da sette parenti, si mise a ululare, bestemmiare in strane lingue, blaterare in altrettante.
«Ecco la xenoglossia!» - gridava la gente… A me sembrava che bestemmiasse in romagnolo puro, ma non osavo contraddire gli esperti. Spogliò l’esile esorcista, riducendolo in mutande; soffiò; urlò; saltò; volteggiò: a stento trattenuto dai sette volontari, sempre caricato da preci e crocefisso puntato. Alla fine si accasciò a terra. Il demone era sconfitto. Così dissero gli esperti. E a me fu dato scrivere uno dei pezzi di cronaca più coloriti e importanti della mi carriera.
La nostra “indemoniata”, se ne stava lì buon buona; (sciagurata!) non mi procurava notizia. Verso sera mangiò abbondantemente, sulla via del ritorno.
«
Eto visto che la gavéa un diavolo magnòn?» - Hai visto che aveva un diavolo mangione?
Non potè trattenersi dal commentare il mio rassegnato marito, sulla via del ritorno.



www.graziagiordani.it








 
©2006 ArteInsieme, « 010736559 »