Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa  »  Era Natale, di Carla De Angelis 19/12/2020
 
Era Natale

di Carla De Angelis





Era Natale, c'era la gioia dell'albero e del presepe, ogni anno aggiungevo una nuova decorazione, un nuovo pastore e una casetta fatta con la pazienza e la voglia di manipolare la creta.

Usavo la terra giusta per i pastori e quella per le capanne, per le case e per i rifugi degli animali. Pochi colori . Solo stella doveva brillare, solo la neve doveva essere bianca e il ruscello verde.

Il ruscello scorreva solo la notte di Natale per portare il suo lieve mormorio ed accogliere la nascita del bambino

Poi un anno è arrivata una bimba piccola, ancora troppo piccola per godere di tutto questo. Pensai nel prossimo la gioia sarà più grande.

Gli anni sono passati, passano ed è un mistero capire quanto questa gioia, questa condivisione sia cresciuta. Ogni anno c'è la speranza, ogni anno c'è il disagio, luce e buio.

Il cigno non è sempre bianco, e la vita non è come vorremmo che fosse. ma il cigno è bello sia bianco che nero, il Natale resta sempre il "Natale" quel bimbo nasce per tutti , la sua umiltà insegna ad amarci .

Mi sono seduta accanto al presepe, ho fatto un lungo sogno. È stato come parlare al Bambino. Non so ancora se ho sognato o pregato. Ho chiesto: dove stiamo andando?



 
©2006 ArteInsieme, « 010736671 »