Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Ogge 'na jurnata nova di Antonio Covino 05/10/2006
 

Ogge na jurnata nova

 

Ogge na jurnata nova

vulesse j' a truv a mamm,

spero tanto ca nun chiove

o si no comme se fa.

 

Add ghiuta mo e casa

ce sta sulo cielo apierto,

cu o profumo d''e mimose

per essa sta cupierto.

 

Nu viale e urmetelle,

e de crcole addirose,

songhe tanti casarelle

ca me pareno pertose.

 

Tutte rose attuorno attuorno

e giardine culurate,

sta esposta a miezz'juorne

ma nu poco ventecato.

 

Si nun fosse p' o cipresso

e pecch me vene o chianto,

mamma mia nun ce paresse

ca sta e casa campusanto.

 

------E' una traduzione-----

Oggi un giorno nuovo, vorrei andare a trovare mamma.

Spero tanto che non piova altrimenti come si fa.

Dove andata ad abitare un posto all'aperto,

con il profumo di mimosa, per lei al coperto.

Un viale di giovani olmi e di querce odorose,

sono tante casette che mi sembrano buche.

Tutte rose intorno intorno e giardini colorati,

sta esposta a mezzogiorno ma un po' ventilato.

Se non fosse per il cipresso e perch mi vien da piangere,

mamma mia non sembrerebbe abitare al camposanto.

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834555 »