Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Le linguine co' li gamberetti di Renato Fedi 20/10/2006
 

Le linguine co' li gamberetti

 

(Me sento proprio ‘nfame sta serata …)

 

Doppo che l'ho magnati, ecco l'appendice …

li sento ariggirasse ar centro de la panza

e strilleno nervosi: “nun ciai abbastanza

de sti lacci e der sugo che cornice?

 

Proppio co' noi dovevi ‘mpreziosì la cena?

Che male je portormo ar tuo gargarozzo,

noi che ner mare se rivedemo appena?”

Io ce lo so, ciò n'appetito davero rozzo,

 

e le linguine co' sortanto er pomodoro

me pareno sorelle a ‘n gruppo de stonati,

peccui a sti gamberetti che fanno coro

je risponno: amichi, sete stati fortunati

 

a capità ‘n panza a me che so ‘n'artista

e v'ho gustato co' la scena de ‘n'attore …

de certo nun stavate mejio ne la busta

a rigiravve ar freddo der congelatore!



 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834502 »