Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  'A malincunia di Antonio Covino 27/10/2006
 

‘A malincunia

Pecchè ‘a luna nun m'ha maie ditto
‘e guardà annanze e maie arreta a mme ?
Eppure, a quacche parte ce sta scritto
c' ‘a vita s' ha dda vivere cumm' è.

Ma guardo spisso ‘o cielo quanno è notte,
vurria cercà cunforto ô firmamento,
nun parlano ‘e stelle e se ne fotte
tutt' ‘o criato, è sulo nu turmiento.

Pirciò io campo c' ‘a malincunia,
ca m' accumpagna pure mmiez' a ll' ate,
me faccio forza, scrivo poesie,
ma so' cchiù chelle c' aggio ammappuciate.

Traduzione--------------------------------------
Perché la luna non mi ha mai detto
di guardare avanti e mai indietro ?
Eppure da qualche parte c'è scritto
che la vita va vissuta così com'è.
Ma
guardo spesso il cielo quando è notte
vorrei trovare una risposta nel firmamento,
non parlano le stelle e se ne fotte
tutto il creato, è solo un tormento.
Perciò io vivo con malinconia,
che mi accompagna anche tra la gente,
mi faccio forza, scrivo poesie
ma sono più quelle che ho cestinato.

 
©2006 ArteInsieme, « 010834456 »