Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Li padroni de li cani di Renato Fedi 27/10/2006
 

Li padroni de li cani

 

Credeteme, li cani me so' amichi

e, quanno m'encontreno, sorideno

smovenno la coda a mulinello,

m'annuseno li piedi cor rispetto

de due diversi che se vonno bene.

Quelli che nun me vanno a cecio

so' n mucchio de li padroni loro

che li porteno n giro pe' lustrasse

der fatto che so' a la page e raffinati.

Li vedi che s'ariggireno pe' li prati

co' le scarpe de Gucci da passeggio,

la tuta co' le firme pi de moda,

e sparleno tra essi de suv e de crocere

mentre che li cani soffreno ar guinzajo.

Ma fatele core ste simpatiche bestiole

che cianno bisogno de trov la frasca

indove lass er segno e pure antro

Mo pare che la moda abbia deciso

che si nun ciai du' cani sei reietto

e allora tutti a dasse all'accoppiata

chi co' n pastore e n barboncino nano,

chi co' n bassotto in coppia co' 'n alano

Dicheno: < porelli, da soli soffreno davero,

ma si so' n due se fanno compagnia >

mica penzeno che li fanno camp

drento a na stanza, magari pure buia,

e che la sera, si loro vanno ar night,

piagneno accorati pe' quattr'ore

Me piaceno li cani, me piaceno sur serio,

chi me fa rabbia so' l'umani scemi.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834516 »