Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Viulenza a ‘na femmena, di Giuseppe Gambini 26/05/2014
 

Viulenza a ‘na femmena

(dialetto napoletano)

 

di Giuseppe Gambini

 

 

'Nchiusa areta 'a fenesta 'e sta priggione

guarde l'ammore tuje passa' ogne sera,

te manca 'o curagge d''o chiamma' Ammore”,

troppe male t'à rialate sine a jere!

 

Chist'uocchie ca ogge chiagneno lacreme

'na vota erano assetate 'e passione,

nu juorno erano celeste comme 'o mare

chine 'e luce, voglia e forza d'ammore,

ogge so' sulamente russe e smuorte

sule bagnate p'arraggia e dulore.

 

Quanna male t'à fatto chill'infame

ca usava 'e mmane, no pe' 'na carezza

a chesta faccella addurosa 'e rose,

ma pe' darte muorze, cauce e cazzotte,

pe' t'accidere ca cieca viulenza

pe' te stutà spiranze e suonne ogne notte.

 

Mo' àsciuttate 'sti llacreme salate

pecché curagge aje avuto dint' 'o core,

'o curagge d' 'o manna' 'n galera

a scunta' 'e ppene pe' tutte 'e cattiverie

ca sine a jere sempe t'à saputo fa'.

 

Marì, nun scala' cchiù muntagne amare

ma quiete àssettate vicino 'o mare

e guarde l'onne ca vanno e venene:

primma o poi chillo viecchie piezze 'e carte

- na vota arrutuliate, brutte e spuorche -

te riturnarrà janco, pulite e stise

nchiuso dint' 'a 'nu fazzuletto 'e sposa:

cu fiducia e speranza tu l'aprarraie

e l'Ammore vero, dinte, ce truvarraje!

 

 

 

 

Violenza a una donna

(traduzione in italiano)

 

di Giuseppe Gambini

 

 

Chiusa dietro la finestra di questa prigione

guardi il tuo amore passare ogni sera,

ti manca il coraggio di chiamarlo “Amore”,

troppo male t'ha regalato sino a ieri!

 

Questi occhi che oggi piangono lacrime

una volta erano assetati di passione,

un giorno erano celesti come il mare

pieni di luce, voglia e forza d'amore,

oggi son solamente rossi e smorti

solo bagnati per rabbia e dolore.

 

Quanto male ti ha fatto quell'infame

che usava le mani, non per una carezza

a questo visino profumato di rose,

ma per darti morsi, calci e pugni,

per ucciderti con la cieca violenza,

per spegnerti speranze e sogni ogni notte.

 

Asciugati ora queste lacrime salate

perché coraggio hai avuto nel cuore,

il coraggio di mandarlo in galera

a scontare le pene per tutte le cattiverie

che sino a ieri sempre ha saputo farti.

 

Maria, non scalare più montagne amare

ma serena siediti vicino al mare

e guarda le onde che vanno e vengono:

prima o poi quel vecchio pezzo di carta

- una volta arrotolato, brutto e sporco -

ti ritornerà bianco, pulito e disteso

chiuso dentro a un fazzoletto di sposa:

con fiducia e speranza tu l'aprirai

e il vero Amore, dentro, vi troverai!

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09168683 »