Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Carzolaro di Vittorio Banda 24/11/2006
 

 

 

                   Carzolaro

 

Sor Titta sta chino sempre sur deschetto,

lavora cuce e batte con er martelletto.

Fatica come un ciuco tutto er giorno

pe mette insieme er primo cor contorno.

 

Na Baronessa glie porta le pianelle :

Me riccomanno me lucidi bene la pelle,

nun ce metta cera sulle sue cuciture

artrimenti nun se vedono e diventeno scure.

 

Me riccomanno metta tutta la su' attenzione

so' scarpe costose che me regalò er Barone.

Veda de nun rovinalle co' la sua disattenzione

artrimenti me rifonne tutta la riparazione !”

 

Nun dubiti Baronessa che so er mio mestiere

le farò un servizietto fatto co' gran piacere.

Me saluti er Barone, omo saggio e benvoluto,

poi sottovoce aggiunse: e puro gran cornuto!

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834464 »