Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  MasnÓ di Davide Vaccino 01/12/2006
 

MASN└

 

Ti e mi, d¨i masnÓ:

i-asmiavu balÚ, l'erba e l'aria,
ad-z¨ra al sipÓri d'in ciel travasÓ
denta rusi bl÷ ciar, tanme l'istÓ;
e Ĺn verd gracidÚ an ciamava,
sŘ cui a-spec d'ava quasi Ĺn sŰca,
an mes ai canŰti ed ai tavan.

Ti e mi: d¨i masnÓ,
an t'in magic dopdisnÓ:


sensa mŘr, l'eva la campagna,
e Ĺl vent l'asmijava slunghÚ Ĺn brÓs
par dislighÚ cul fioc fiurÓ dai cavei;
ai vulavu, sturn d'Řsei,
tanme foij vagabundi,
vers ai prÓ maciÓ Ĺd sufi¨n.

Ti e mi: d¨i masnÓ,
an t'in magic dopdisnÓ:
cirig¨n marcavu sŰrc durÓ.


Ma na vira pardý i-ali,
ai resta nu mechi ai sogn
che quaidŘn al sent d'aubsogn
da pischÚ an-tla nostalgia,
per sprŘsÚ a riva
an quaic lacrima Ĺd rimpiant.

Ti e mi: d¨i masnÓ,
an t'in magic dopdisnÓ:
cirigun marcavu sŰrc durÓ;
Ĺna strÓ sterÓ e vÚgi bici:
Ĺsla lengua, paroli mai dici.

 

 

BAMBINI

(traduzione di ôMasnÓö)

 

Tu ed io, due bambini:

 

parevano danzare, l'erba e l'aria,

sopra il sipario di un cielo travasato

dentro rogge azzurre, come l'estate;

e un verde gracidare ci chiamava,

su quegli specchi d'acqua quasi in secca,

in mezzo ai canneti ed ai tafani.

 

Tu ed io, due bambini,

in un magico pomeriggio:

 

senza muri, era la campagna,

e il vento pareva allungare un braccio

per slegare quel fiocco fiorato dai tuoi capelli;

volavano, stormi d'uccelli,

come foglie vagabonde,

verso i prati macchiati di soffioni.

 

Tu ed io, due bambini,

in un magico pomeriggio:

libellule segnavano cerchi dorati.

 

Ma una volta perdute le ali,

restano soltanto i sogni

che qualcuno sente il bisogno

di pescare nella nostalgia,

per poi spruzzare a riva

qualche lacrima di rimpianto.

 

Tu ed io, due bambini,

in un magico pomeriggio:

libellule segnavano cerchi dorati;

una strada sterrata e vecchie biciclette:

sulla lingua, parole mai dette.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834449 »