Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  ‘Nu felille ‘e voce, di Giuseppe Gambini 02/11/2014
 

‘Nu felille ‘e voce

(Vernacolo napoletano)

 

di Giuseppe Gambini

 

 

 

Cu ‘nu felille ‘e voce

te canto ‘sta canzone,

t’’a canto sottovoce

penun te fa’ scetà.

 

È ‘na canzona antica

ca’ parla d’ammore,

vene ‘a dint’’o core

penun te fa’ sta’ sola.

 

Pigliala… astrignela…

tienatella vicina

e quanno si’ cupe e triste

o ‘a pecundria te piglia

tu abbracciala, vasala,

strignatella forte

e dint’’a l’anema e ‘o core

sentarraje doce

nu felille ‘e voce

cape’ te cu’ ammore

pesempe cantarrà:

“Te voglio bbene, Mari’!”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(Traduzione in italiano)

UN PICCOLO FIL DI VOCE

 

 

Con un piccolo fil di voce

ti canto questa canzone,

te la canto sottovoce

per non farti svegliare.

 

È una canzone antica

che parla d'amore,

viene da dentro il cuore

per non farti star sola.

 

Prendila... stringila...

tienila vicina

e quando sei cupa e triste

o la spossatezza ti prende

tu abbracciala, baciala,

stringila forte

e dentro l'anima e il cuore

sentirai dolce

un piccolo fil di voce

che per te con amore

per sempre canterà

“Ti voglio bene, Maria!”

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09168700 »