Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  ‘A malincunia, di Giuseppe Gambini 21/11/2014
 

'A  malincunia

(Vernacolo napoletano)

 

di Giuseppe Gambini

 

 

'A malincunia s'è scetata stamatina:

è gghiuta a passià abbascia 'a marina,

pe' 'na vota sulo m' ha lassato    

cuntenta 'e se scurdà d''o ppassato.

 

Vuleva 'ncuntrà ata 'ggente

ca le vulesse bbene overamente,

se vuleva fa' meglio cunoscere

'a chi nun aveva mai saputo chiagnere.

 

“Si venite cu mme, ve do' tre sorde!”

diceva a chilli ca erano surde,

“Si tu m'accumpagna, te pave 'a magnà!”

diceva a n'ato ca nun sapeva che fa'.

 

Ma nisciuno stava a sentì' chella ca diceva

nisciuno chelle parole curiuse senteva...

“Scusate nun tengo tiempo, vache 'e presse!”

rispunnevano tutte sempe 'o stesso.

 

“Ma pecchè scappano e nisciuno me vo'?

Nisciuno meglie 'e me capì' ogge po'!    

L'alleria, nemica mia, nun è certa amica loro,

sulo pe' ccheste m'avessera da' nu' chile 'e oro!”

 

E nun sapenno ca fa' 'a malincunia scunsulata      

n'ata vota addò me è turnata,

s'è misa sott' 'a cuperta d''o lietto mio

e ll'anima mia ha raccumandato a Ddio!

 

 

 

(Traduzione in italiano)

 

La malinconia

 

La malinconia si è svegliata stamattina:

è andata a passeggiare giù alla marina,

per una volta solo mi ha lasciato 

contenta di dimenticarsi del passato.

 

Voleva incontrare altra gente

che le volesse bene veramente,

voleva farsi meglio conoscere

da chi non aveva mai saputo piangere.

 

“Se venite con me, vi do tre soldi!”

diceva a quelli che erano sordi,

“Se tu m'accompagni, ti pago da mangiare!”

diceva ad un altro che non sapeva cosa fare.

 

Ma nessuno ascoltava ciò che diceva,

nessuno quelle parole curioso ascoltava...

“Scusate non ho tempo, vado di fretta!”

rispondevano tutti sempre allo stesso modo.

 

“Ma perché scappano e nessuno mi vuole?

nessuno meglio di me capire oggi può!  

L'allegria, nemica mia, non è certo amica loro,

solo per questo dovrebbero darmi un chilo d'oro!”.

 

E non sapendo che fare la malinconia sconsolata

nuovamente da me è tornata,     

si è messa sotto la coperta del letto mio

e l'anima mia ha raccomandato a Dio!

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09168555 »