Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  A cena co' l'amichi di Renato Fedi 29/12/2006
 

A cena co' l'amichi

(storie de vita)

 

Su ‘sta tavolata che pare d'armonia

se sparla e se straparla co' l'amichi

de chi nun è presente ‘n compagnia

e de quanto che noiantri semo fichi.

 

Gustavo, (detto tra noi Buciardone)

ricconta che Giggetto ciàna storia

co'na tipetta de Via Andrea Doria

che je la dà in cambio de'n milione.

 

Mirella, ch'è amica vera de la mojie,

piano sussurra, ripassanno ‘n pollo,

“ma si nun è Anna a smorzà le vojie,

ce penza si Giggetto a fa' l'ammollo”.

 

E Richetto, lui che de donne è saggio,

buttanno le cocce svotate de le cozze

commenta sazio: “Ce lo so, le nozze

porteno er topo a rubbà er formaggio,

 

però puro Anna mica s'annisconne

quanno che ‘n palestra s'arinturcica

cor soriso soddisfatto e senza gonne

su la panza der marito de ‘n'amica”

 

E li discorsi ner de dietro de l'assenti

continueno insinente ch'è sera tarda …

Questa è sortantona cena bastarda!

Oste er conto, che lasso sti dementi.


 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834560 »