Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Er pensiero, di Vittorio Banda 02/02/2007
 

 

 

 

Er pensiero

 

 

Na povera formica stanca e  affaticata

p'avè raccorto la scorta dell'annata,

decise de godesse la bona calura

salenno su la cima de n'artura.

 

Un sergente passanno pe la via,

glie disse senza tema de bugia:

Nun sai che l'altura ove stai ferma

è er sacro muro della mi caserma ?

 

Io spero solo che in quattro e quattr'otto,

tu faccia svertamente er tu fagotto

ed abbandoni quella postazione

pena la tu subitanea fucilazione ! “

 

La formica glie rispose senza sbaglio :

“Piglio er sole è vero ma nun m'abbaglio.

Er male antico de tutta l'umanità

è ritenere er monno de propria proprietà.

 

Chesta è na scola de le  trasmissioni

e me ne so fatta mille e più ragioni.

Giacchè conoscevo ‘na compagna mia

che abbitava ner mattone della segreteria.

 

Ma a te che parli de fucilazione,

senza ascortà er suono della ragione.

E te dai tant'arie da gran surtano

manco se fossi proprio tu er capitano.

 

 

 

Te voglio porre solo stò quesito

a te che vivi e magni in de sto sito.

E cerca de risponde co' prudenza

sinno me scappa puro la pazienza.

 

Me sai dì a cosa servono le antenne ferme

che stanno su li tetti delle patrie caserme.

Nun è che so pupazzi de metallo

messi sur tetto senza er piedistallo ? “

 

“Senza ch'io faccia valè li miei galloni

e senza statte a dì tante discussioni.

Io te rispondo e mo te dico er vero

servono a trasmette  er mi' pensiero!”

 

Quann'ebbe detto ciò er serpentino,

abbozzò co' la su' bocca un risolino.

E fissò la formica, e ner guardalla

sembrava che volesse minchionalla.

 

Ma la formica glie rispose carma carma,

mettennose ar riparo de na forta parma:

Te dico che se ste cose che hai dette so' vere

me ce faccio su ‘na risata de gran piacere!

 

Pecchè devi sapè mio caro ber sergente

e in questo incrudo anche er sor tenente.

Che anche noi formiche senza penne

sulla capoccia avemo un par d'antenne.

 

Ma mentre l'omo trasmette er su' pensiero

e dice bianco puro  quanno è  nero.

Noi ce dicemo tutto senza congetture

badanno a nun mollacce fregature !

 

 

Mentre voantri co' le trasmissioni,

ce fate granni e grosse confusioni.

Mannanno er cane cieco pe la via

contate grosse balle a la borghesia.

 

Adesso se permetti proprio me ritiro

pecchè me so' assonnata come un ghiro.

Ed anche perché seconno er gran decoro

se magna er pane solo cor lavoro.

 

Mentre da quanno io so' stata ferma

sopra er muro della tu' caserma.

Ho visto tanta gente che magnava

ma Dio ce sarvi se se lavorava !”

 

E detto questo se diede na scrollata

lanciò ar sergente n'urtima occhiata.

E se n'agnede ballanno all'hawaiana

Dritta dritta verso la su' bella tana.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834482 »