Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Er caro estinto, di Vittorio Banda 07/04/2007
 

ER CARO ESTINTO

 

Oggi se ce pensi l'estinto tanto caro

nun lo dico mica solo pecch so avaro.

Mo co quello che te costeno l'esequie

nun puoi de certo trov pi requie.

 

Te cominceno ad arriv come iene

mentre tu stai immerso nelle pene.

Te dicheno le cose co tanto garbo

che te viene pena a faglie sgarbo.

 

Alla fine te vengono co la fattura

che appena la guardi na jattura.

Te vi da piagne certo a catinelle

ma gi ne hai versate a bacinelle.

 

Nun c' gnente da fa un ber mestiere

che te d soddisfazioni e gran piacere.

un mestiere in cui non c' congiuntura

tutto guadagno sulla santa seportura !

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010421320 »