Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Nun m'addimannà, di Antonio Covino 04/05/2007
 

Nun m’addimannà

 

Nun m’addimannà si so’ felice,

te dicesse si pe’ te fa’ cuntenta,

io tiro annante, campo â jurnata,

faccio tutte cose, e nun me lamento.

Però nun è chesta ‘a vita ca m’aspettavo:

nu juorno aret’a ‘n ato a cuntà ll’ore,

nu piezzo ‘e pane asciutto

ca nun tene cchiù sapore.

Ma quanno te guardo int’ a ll’uocchie

mentre te faiena resata ,

quanno accarezzo ‘e criature

ca se songhe addurmute,

allora aspetto pure io

ca passa ‘a nuttata.

 

Traduzione….

Non chiedermi se sono felice, ti direi di si per farti contenta.

Io tiro avanti,  campo alla giornata, svolgo i miei doveri

e non mi lamento.  Però non è questa la vita che avrei voluto:

il susseguirsi dei giorni a contare le ore, un pezzo di pane

che ha perso il suo sapore.

Ma, quando ti guardo negli occhi mentre fai una risata,

quando accarezzo i miei figli che si sono addormentati,

allora aspetto anch’io che passi la nottata.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09282646 »