Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  ICI, di Vittorio Banda 18/05/2007
 

                         ICI

 

Er leone in una mattinata molto bella

s’era svegliato dalla su’ pennichella.

Er gufo suo consigliere ligio e fidato

chiese a sua maestà d’essere ascortato:

 

“Le risorse nelle casse dello Stato

sono ar lumicino in modo disastrato.

Pe cui sarebbe ora de battere a cassa

co’l’emissione de’ na bona nova tassa.

 

La mia proposta nun glie soni strana

ho pensato ad una tassa sulla tana.

A dell’omo che pur annanno in bici

ha messo sulle case la tassa dell’ici.

 

Esempio l’orso ha una tana smisurata

una bella caverna ricca ed attrezzata.

Pe lungo tempo quanno nun sta a largo

ce se riposa e ce cade anche in letargo.

 

Ognuno pagherà secondo la su’ tana

Er piano richiede armeno ‘na settimana.

Diremo come l’omo che è straordinario

poi lo lassamo sempre in modo ordinario.”

 

Er leone rispose in modo angosciato:

Te posso dì ‘na cosa consigliere fidato

me sa che questa vorta tu hai toppato

e che la tu’ saggezza t’ha fregato.

 

 

 

L’animali che stanno dentro alla savana

hanno diritto ad avè la loro bella tana.

Se la sono fatta co’ sacrifici e privazioni

e noi glie annamo a rompè li cojoni ?

 

Lassa stà l’omo politico furbo e mentitore

io sono er leone ed ho er mio bon onore !

Se me ne uscissi co’ questa tua sparata,

l’animali se farebbero ‘na bella risata.

 

Se c’è quarcuno der regno che te  ringhia

digli che magni meno e tiri un po’ la cinghia !

Per er resto dimentica subbito er barzello

e cercamo de nun fare più bordello.

 

Er politico accorto furbo e intelligente

promette poco e nun mantiene gnente.

Noi ci asteniamo da queste pagliacciate

siamo seri e nun damo mai fregate ! “

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09168592 »