Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Eremita, di Vittorio Banda 18/07/2007
 

                   Eremita

                  di Vittorio Banda

 

Schifato e nauseato dalla vita

decise de fare tosto l’ eremita.

Se ne annò in un monte isolato

e da lì rifletteva sopra er creato.

 

La su’ fama se sparse tra la gente

e annavano da lui anche per un gnente.

Dicevano che era n’omo morto saggio

che infonneva ner prossimo er coraggio.

 

Un giorno ce agnede puro ‘na signora

prima de decidesse se annare o meno fora.

Glie chiese un consiglio sulla su’ situazione

che la teneva angosciata e cor magone.

 

C’è un signore ricco e tanto bello

che ha costruito pe un ber castello.

Vorrebbe che io ci annassi ad abitare

Co tutta la servitù da comannare.

 

Lei che è n’ omo pieno de coscienza

cosa ne pensa de chesta evenienza ?

Pe me sarebbe certo ‘na sistemazione

e me toglierebbe da stò gran magone.

 

L’eremita stette cor piglio un austero

poi cominciò ad esporre er su’ pensiero.

Dio ci ha fatto dono pure der cervello

ed è bene che usamo un poco puro quello.

 

 

 

Nun è bene servisse solo de la carrozzeria

che cor tempo se deteriora e passa via.

Bisogna avere er pensiero co la mente

er resto nun serve, prorio a gnente.

 

Se lei vole vive in perfetta schiavitù

vada ner castello co tutta la servitù.

Sarà la schiava di quer ber tipaccio

che la terrà legata sempre ar laccio.

 

Tanti   se servono de la loro ricchezza

pe contrabbandare la monnezza

nun hanno artro che er denaro

e lo cureno come l’oro dell’avaro

 

Pe cui sia felice nella su’ casa piccolina

dove nun è schiava ma gran reggina.

Lo sa perché ner monno sono fessi?

perche nun so’ padroni de se stessi !

 

Quanno l’ho capito subito so scappato

e in questo sito me sono rifugiato.

anche se pe tanti sono un gran  fesso

ma armeno so ‘ padrone de me stesso!

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09282738 »