Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  A'mamma, di Ida Guarracino 06/06/2008
 

A' mamma

di Ida Guarracino


E' 'na parola doce e assai carnale,
'e figlie suoje lle songhe tutte care.
Sagliesse a ppre centemila scale
e desse 'a vita! Essa comme 'o mare.

'A mamma, 'o surriso dint"e ccase,
tutto s'appare cu 'a presenza soja.
Sul'essa sape darte mille vase
e te perdona sempe, te d gioja.

Si n'ata vita tu mme rialasse
ogni capriccio fosse 'nu ricordo
e dinto a chistu core m'astipasse
tutt"e mumente 'e bene ca nun scordo.

A chesta et arrepiezze tutto cosa
e guvierne 'a famiglia a nomme 'e Dio.
P, si mme vide triste e appecundrosa,
m'astrigne npietto e dice:- Core mio!

 

 

 

A' mamma

di Ida Guarracino


E' una parola dolce e assai carnale,
e i figli le sono tanto cari,
salirebbe a piedi centomila scale,
darebbe la vita per loro. Lei come il mare

La mamma d il sorriso nelle case,
tutto si aggiusta con la sua presenza,
Solo lei sa darti mille baci
e ti perdona sempre ti d gioia.

Se un altra vita tu mi regalassi
ogni capriccio sarebbe un ricordo,
e dentro questo cuore conservassi
tutti i momenti di bene che non scordo.

Alla tua et cuci ancora tutto
e governi la famiglia a nome di Dio,
poi se mi vedi triste e malinconica
mi stringi sul tuo petto e dici 'Cuore mio'.

 
©2006 ArteInsieme, « 09282721 »