Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Mattinata romana di Renato Fedi 22/07/2006
 

Mattinata romana

 

Ar mattino, quanno sorto fora der cancello,

arricasco appeso ar solito amletico dilemma:

oggi sarò cojone, fesso, oppuro sarò quello

che nun se perderà pe' n'attimo la flemma?

 

Principiàgni giorno cor dubbio mica è bello,

mette la voja de fa fagotto e dasse ar prato.

Arivo a li semafori che sudo, paro ammalato,

me sale la pressione der sangue ner cervello.

 

Si passo ar giallo, mille dicheno: “A stron..!”

s'invece freno.. mi madre faceva la migno…,

si poi me scuso .. passo davero pe' bigonzo:

 

c'avrò er coraggio p'aributtamme ne la lotta?

Uscì co' l'automobbile nell'Urbe è ‘na fatica,

‘n vero suicidio! Ma io ‘nsisto: nun mollo mica!

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834428 »