Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  La sapienza e la pazzia di Vittorio Banda 07/09/2006
 

 

LA SAPIENZA E LA PAZZIA

 

 

Un giorno la sapienza disse alla pazzia :

Nun te sopporto pi cara sorella mia,

na vorta eri un pochino limitata,

m ner monno te sei troppo sviluppata.

 

Agisci senza pi nessun ritegno

ed ogni giorno passi sempre er segno.

La cronaca piena della tu' azione:

omicidi,furti, stupri e stragi a ripetizione.

 

Nun c' tregua, nun c' pi respiro,

te servi financo della violenza dell'emiro.

Cerca de st tranquilla pe un po' d'anni

e lassacce ven fora da tutti questi affanni !

 

La pazzia rispose in tono assai severo:

E' l'omo che me cerca, questo vero,

lui che s' traviato da tant'anni

e nun v st dentro a li su' panni.

 

Cerca er piacere e danaro a profusione

e questo lo porta a fa na gran confusione.

Pe cui tra la sapienza e la pazzia

sceglie sempre me sorella mia!

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834349 »