Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  A' tabbacchera di Antonio Covino 16/09/2006
 

 

A tabbacchera

 

 

Oj suonno ch'aggio fatto a primma sera

rituorne ancora pe' m' a fa ved

chella ch' stata sulo fino a jere

a nnammurata mia e m nun .

 

Ce simme appiccicate malamente,

ce simme ditte tanti ccose brutte,

m' ha dutto pure ncapo nu strumento,

nu viecchio mandulino ca distrutto.

 

L'avevo ditto e nun asc balcone,

ca so' geluso e chi a tene mente,

ma essa asciuta fora e nu spione

m' ha ditto se vedevene e mutande.

 

Menu male ca chisto cecato,

ha visto c' a mutanda era nera,

o ssaccio bbuono ca si sbagliato,

pecch teneva a fora a tabbacchera.

 

Traduzione.

Oh! Sogno che ho fatto in prima sera

Ritorna ancora per farmela vedere

Quella ch' stata solo fino a ieri

La mia fidanzata non lo pi.

Abbiamo litigato di brutto,

ce ne siamo dette tante

mi ha rotto anche in testa uno strumento

un vecchio mandolino ch' distrutto.

Le avevo detto di non uscire al balcone,

che son geloso di chi la osserva,

ma lei uscita fuori e una spia

mi ha detto che si vedevano le mutande.

Meno male che questo non vede bene,

ha visto che le mutande erano nere,

lo so bene che si sbagliato

perch da fuori aveva la tabbacchera (org.sessuale femminile)

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834275 »