Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Poesie in vernacolo  »  Li profumi de settembre di Renato Fedi 29/09/2006
 

Li profumi de settembre

(er mese quanno nacqui)

 

Quanno ch'ero regazzino, puro se a Roma,

la strada ‘ndo so' nato finiva tra li campi.

D'estate co' l'amichi annavamo a fa' casino

tra l'arberi carichi de frutta e li contadini

ce rincorrevano co'r pezzo a sale e pepe

pe' difenne li frutteti da ‘st'orgia d'affamati.

 

Poi agosto cedeva er passo ar mese mio

e l'uva grassa ce faceva da richiamo

come fussena sirena ‘n mezzo ar mare.

C'annavamo quatti de notte tra i filari

e giù grappoli uno appresso a l'antro

fin quanno la panza gonfia nun strillava.

 

Che ve posso fa? Settembre m'arriporta

asti momenti de gioia ormai lontani

e li profumi che se ficcheno ner naso

nun so' sortanto quelli che ciò ‘ntorno,

ma sgorgheno nell'aria tutti l'odori

che all'infanzia me fecero contorno

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010834575 »