Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  Narrativa in vernacolo  »  E' ‘nu presebbio napulitano di Antonio Covino 22/12/2006
 

E'nu presebbio   napulitano                                 

 

Giuseppe e Maria, giunti a Betlemme, città Natale della stirpe di Davide, non sono riusciti a trovare nemmeno un posto libero in albergo.

Peppì, stò stanca, nun ce ‘a faccio cchiù!”

Marì , nun dico niente io, e che ha dda dì ‘stu ciuccio?”

“ Ma pecchè pure ‘o ciuccio ha dda sgravà?”                                                     

“ No, ma…nientemeno ca nisciuno ce ha vuluto ospità, m'all'anema d''e mamme lloro! Manco si stesseme a Natale…ah, già,…Natale, ancora l'avimma fa.”

Peppì, jamme a vedé dint'a chella stalla”

a stalla?? Ma tu fa ‘nu rre!”

“ Aggio capito, ma si nun ce fermammo a quacche pparte , ‘o rre, ‘o faccio ‘ncopp ‘o ciuccio”.

Maria dà alla luce un bel maschietto e lo depone in una mangiatoia, si ode nell'aria un coro celeste e un angelo su tutti:

“ E' nato, è nato, il Re dei Re, pastori accorrete!”

Ueh! E chi ce l'ha ditto a chisto?”

“Ma chi è Gabriele?”

Marì, e io che ne saccio, tu t''a faje cu ‘sti travestite”.

“ Ma quale travestite, chillo è l'arcangelo”.

“ Tu nun m''a cunte justa….l'arcangelo, l'annunciazione…va, attacca ‘o ciuccio addò ‘o padrone.

“ A proposito d' ‘o ciuccio, chisto nun scarfa proprio.”

“ E che l' pigliato pe''na stufa?”

“ Va' a piglià pure chillu voje, miettelo ccà vicino…”

 “Aggio capito, vuò ‘a stufa a dduje elemente”.

Attaccano a suonare gli zampognari:

Ullero, ullero ca mammeta è prena, ha fatto nu figlio se chiamma Michele….

“ Ma chiste che vonno? Fall'e  gghi'a sunà a parte e llà!”

“ Signori…, vi prego, cca ce abbruscia ‘o fronte!”

“Neh, san Giusè, nuje avimma faticà,na vota ch'è venuto natale!”

“Ma nun putite j'a pulezzà ê semafore?”

Nuje simme abbruzzese mica marucchine!”

“ Va bbuò, allora sunate cchiù zitto.”

Peppì io sento addore d''a pizza.”

“'a pizza?? Ma mica stammo a Napule!”

“Allora nun è capito niente, chisto è nu presebbio napulitano, guarda! Ce stà Cicci Bacco ‘ncoppa â votta, ce sta' Benito ca invece ‘e guardà ‘e ppecure s'è addurmuto, ce stà ‘o piscatorencoppa ‘o sciummo ca scorre overamente, e…:'o fruttajuolo, ‘o macellaro cu 'e sacicce appese,‘o solachianielle…”

“ E ce stà  ‘a tratturia cca ffora, fa pure ‘e pizze…chisti napulitane ‘e truove a tutte parte!”

“Io voglio ‘na margherita.”

“ E io me piglio nu cazone, tengo ‘na famma ! Mo ‘e vaco a urdinà, sperammo ca nun ce sta ‘a fila.”

“ E va, fa ambressa ch'hanna venì ‘e rre Magge”.

“ E comme fanno a ce truvà?”

“ Vanno appriesso ‘a stella cumeta;a storia ‘a saje o no?”

“ Ah,sta cosa ca luce ccà ncoppa, pare ca porta sfurtuna, speramme ca fanno ambressa”.

Arrivano i Magi mentre Giuseppe e Maria stanno mangiando la pizza,

(scena a soggetto-Giuseppe e Maria nascondono la pizza, i magi offrono i doni, l'oro è ben accetto, l'incenzo e la mirra meno. I magi salutano e Maria e Giuseppe corrono a riprendere la pizza).

Dopo aver mangiato la pizza, Giuseppe si addormenta, ma poi si sveglia di soprassalto.

Marì, fa' ambressa, ce n' avimma j', Erode accidere ‘o nennillo.

“Uh! E pecchè? Ch'ha fatto? Chillo mo è nato!”

Nuno saccio, me l'ha ditto Rafele, l'arcangelo.”

“ Ma tu addò l' visto?”

“ M'è venuto ‘nzuonno”.

“ Aggio capito, è stato ‘o cazone, chillo è pesante…po' dice ca io me ‘a faccio cu ‘e travestite…”

“Insomma, fa ambressa e piglia l'oro,o ‘ncienzo e a mirra.”

“ Io piglio solo l'oro,stuncienzo e ‘a mirra che n'avimma fa'? Fosse stata ‘a birra…tu vide ch'hanno purtatosti Magge…!”

 

Giuseppe e Maria col bambino si recano in Egitto e vi restano qualche anno, al ritorno li ritroviamo a Gerusalemme, in un momento in cui non riescono a trovare il figlio…

Giuseppe, uscito alla ricerca, rientra affannato:

Marì,o guaglione stà parlanno cu' ‘e sapute dint''o tempio”

“ Uh, Madonna mia…ca  po' songo io, ma chisto quant'anne tene?”

“E…ne tene dùdece ….”

Quant'è crisciuto, nun ce ne simmo manco accorte, sperammo ca se ferma nu poco…pecchè ‘a fine nun è bbona.

 

Sgravà = partorire ; J' = devi ; scarfà = riscaldare; voje = bue; prena = incinta; gghì = andare

Pulezzà = pulire; sciummo = fiume; solachianielle = calzolaio; saje = conosci; ambressa = in fretta

nzuonno = in sogno;

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010421286 »