Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
  Poesie  Narrativa  Poesie in vernacolo  Narrativa in vernacolo  I maestri della poesia 

  Scritti di altri autori  »  I maestri della poesia  »  Samuel Gardner, di Edgar Lee Masters 25/05/2019
 
L’Antologia di Spoon River non è solo una serie di epigrafe tombali messe in versi, non si limita a descrivere i personaggi che giacciono sotto quelle lapidi, ma ha pretese ben più alte; va oltre la satira fine per enunciare massime e principi, per ricordare agli uomini che la traccia che essi lasciano nella vita può essere effimera quanto il sospiro di una farfalla, oppure duratura, ben oltre gli anni di Matusalemme.




Samuel Gardner

di Edgar Lee Masters
 
lo che curavo la serra, 
amavo alberi e fiori, 
da vivo guardai spesso quest'olmo ombroso, 
ne misurai con l'occhio i rami generosi, 
e ascoltai le foglie festose 
carezzarsi amorosamente 
con dolci sussurri eolii. 
E potevano ben farlo: 
perché le radici si erano fatte così larghe e profonde 
che il suolo della collina, arricchito dalla pioggia 
e scaldato dal sole, 
nulla tratteneva delle sue virtù, 
ma tutte le cedeva alle vigorose radici, 
dalle quali erano succhiate e fatte turbinare nel tronco 
e poi nei rami, e nelle foglie, 
da cui la brezza traeva vita e cantava. 
Ora io, abitatore sotterraneo della terra, vedo 
che i rami di un albero 
non sono più ampi delle radici. 
E come potrebbe l'anima d'un uomo 
essere più grande della vita che ha vissuto? 

 
©2006 ArteInsieme, « 011356954 »