Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Tullio Pironti 27/10/2006
 

Risponde Marco Ottaiano della Casa Editrice Tullio Pironti

http://www.tulliopironti.it/

 

 

 

Le origini della vostra casa editrice?

 

La casa editrice nasce a Napoli nel 1978 per iniziativa di Tullio Pironti, appartenente a una delle più antiche famiglie di librai della città. Il libro che farà conoscere l’editore Pironti nel panorama nazionale è Il camorrista di Giuseppe Marrazzo.

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

La Tullio Pironti è giunta in breve tempo alla ribalta nazionale e internazionale con una sua originale linea “bifronte”, specializzandosi  in volumi di denuncia inchiesta giornalistica accanto alla narrativa italiana e straniera. Pironti ha fatto conoscere in Italia scrittori stranieri del calibro di Raymond Carver, Bret Easton Ellis, Anna Rice, Don DeLillo, Philippe Sollers, David Yallop, e ha avuto per primo i diritti di traduzione e pubblicazione per le opere del Premio Nobel egiziano Naghib Mahfuz, di cui è oggi il maggior editore in Italia, con ben 14 titoli.

 

 

Quale pensate che sia il futuro dell’editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

 

Fare previsioni è difficile. L’augurio è comunque quello che la piccola e media editoria possa continuare a sopravvivere e fare pubblicazioni di qualità a dispetto delle grandi regole del mercato.

 

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po’ anche delle case editrici?

 

La colpa ricade sulla scuola italiana che non è mai stata veramente in grado di avvicinare i ragazzi alla lettura.

 

 

Come immaginate possa essere il vostro lettore ideale?

 

Il nostro lettore ideale è, da una parte, colui che ama la buona letteratura e, dall’altra, colui che ancora riesce a sorprendersi e indignarsi per le ingiustizie nel mondo.

 

 

Quale dei vostri libri vi ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

Sicuramente l’autobiografia dell’editore Pironti, Libri e cazzotti (con prefazione di Fernanda Pivano). Ha venduto undicimila copie, e non c’è stato quotidiano o rivista in Italia che non ne abbia parlato. A suggello di tutto ciò ne sono stati acquistati i diritti per trarne un film. Il regista sarà Francesco Patierno, per la parte di Pironti l’attore prescelto è il popolarissimo Giorgio Pasotti. Al momento sono due i produttori interessati al film: Gabriella Buontempo e Claudio Bonivento.

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09329226 »