Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Marlin 03/11/2006
 

Risponde il Dr. Sante Avagliano della Marlin Editore Srl di Cava de’ Tirreni (SA)

http://www.marlineditore.it/

 

 

 

Mio padre Tommaso, docente in materie letterarie e direttore di una galleria d’arte contemporanea, spinto dalla passione per i libri e per la storia della sua città, fondò la Avagliano Editore nel 1982, con sede a Cava de’ Tirreni, e la diresse da solo per oltre 10 anni. Nel 1993, dopo essermi laureato, ho iniziato a collaborare a tempo pieno con lui, contribuendo a creare nuove collane di narrativa e saggistica di attualità, accanto a quelle iniziali di saggistica storica e letteraria di ambito meridionale, rinnovando l’immagine grafica e il marchio editoriale, e sviluppando la rete di promozione e distribuzione, che da una dimensione regionale passò a quella nazionale con il supporto della Pde. Accanto al primo libro stampato – Nascita di un mestiere di Paolo Peduto, un titolo che in seguito si è rivelato di favorevole auspicio – è cresciuto il catalogo. Ma, si sa, perché il catalogo viva e si arricchisca c’è bisogno di un lavoro continuo. C’è bisogno di un rapporto fecondo con i promotori, con chi, cioè, presenta i vari titoli ai librai. C’è bisogno di un dialogo costante con la distribuzione, fatto di rispetto dei tempi e di giuste proposte. E, soprattutto, è necessaria una quotidiana attenzione dell’ufficio stampa, per fortuna sempre premiata dai mass-media. Questi, per una casa editrice che ha puntato tutto sul libero mercato, senza alcuna rete protettiva, impegnando le proprie forze e capacità culturali ed imprenditoriali, sono stati e rimangono passaggi imprescindibili che le hanno consentito di crescere e di imporsi nell'ambito del panorama editoriale italiano.

I primi successi sono arrivati, tra il 1996 e il ’97, nel settore della narrativa con romanzi come Francesca e Nunziata di Maria Orsini Natale (da cui Lina Wertmüller ha tratto un film per la Tv con Sofia Loren e Giancarlo Giannini) e Il resto di niente di Enzo Striano (trasposto in film per il cinema da Antonietta De Lillo). Questi due romanzi sono stati tradotti nelle principali lingue europee e sono apparsi per settimane nelle classifiche dei libri più venduti, avendo superato entrambi la soglia delle 50.000 copie. Accanto ad essi vanno ricordati Ritratto di Angelica e Una rosa nel cuore di Simona Weller, La mazzetta di Attilio Veraldi, La signorina e l'amore di Giovanna Mozzillo, Umbertina di Helen Barolini e Spaghetti all'acqua di mare di Gaetano Afeltra. Né sono mancati i riscontri positivi nel campo della saggistica storico-letteraria e della memorialistica: Il fiele ibleo di Gesualdo Bufalino, E' tornato Garibaldi e Oh, Flaiano! di Giovanni Russo, Una bella storia. Italia 1943-1956 di Antonio Ghirelli e I nottambuli di Fruttero & Lucentini.

 

 

Come è avvenuto il passaggio alla nuova sigla Marlin Editore?

 

Il successo di alcuni titoli ci convinse ad operare una ristrutturazione della casa editrice e ad accettare la proposta di ingresso nella nostra società da parte di un imprenditore operante in un settore diverso e lontano dal nostro. Quando i rapporti con questo socio si sono deteriorati, all’inizio del 2005 abbiamo deciso di cedere la Avagliano e di fondare una nuova sigla editoriale, Marlin, ispirata al pescespada del romanzo Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway, che ha cominciato a pubblicare nell’ottobre dello stesso anno.

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

Il lavoro iniziato nei primi anni ’80 con la Avagliano Editore continua ora con Marlin, confortato dal rigore qualitativo delle scelte, dalla raffinatezza della grafica, affidata come sempre alla creatività di Gelsomino D’Ambrosio di Segno Associati, e dall’adesione non solo degli autori, curatori, traduttori e consulenti storici, ma anche di nuovi ed importanti nomi della letteratura e della saggistica italiana e straniera, che hanno accolto con favore il nuovo progetto editoriale. A differenza della Avagliano, con la Marlin abbiamo deciso di privilegiare la narrativa straniera, accanto ai classici italiani tra ‘800 e ‘900 che agli scrittori contemporanei, e di dedicarci ai libri di saggistica di attualità sociale, storica e politica, alle biografie, alle guide e all’arte. 

 

 

Quale pensate che sia il futuro dell’editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

Nonostante il grande fermento degli ultimi anni, rappresentato dalla nascita, crescita e imposizione sul mercato nazionale di numerose case editrici del centro-sud, il pericolo costante è rappresentato dall’inglobamento di queste sigle indipendenti nei grandi gruppi editoriali, con il rischio delle eccessive concentrazioni e omologazioni produttive e culturali. In questo contesto la sopravvivenza delle piccole e medie aziende è costantemente in pericolo.

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po’ anche delle case editrici?

 

La famiglia-tipo ha le sue responsabilità, ma molti genitori sono giustificabili a causa della loro mediocre preparazione culturale e soprattutto della mancanza di piacere ed amore per i libri. La scuola, e quindi lo Stato, invece non ha scusanti: continua a proporre quasi esclusivamente la lettura di testi di autori classici che con il loro linguaggio e le loro storie non riescono a coinvolgere le giovani generazioni  e vengono percepiti come una costrizione legata allo studio e mai come un piacere che può essere condiviso con altri. Ma anche i grandi gruppi editoriali hanno le loro colpe, visto che hanno prodotto eccessivamente, oltre le richieste del mercato, per coprire le enormi rese dei librai, in aumento anno dopo anno.

Per questo motivo, dopo Baldini Castoldi Dalai e Marcos y Marcos, anche la nostra casa editrice ha aderito alla campagna di riduzione del numero delle novità da pubblicare in un anno. Con il nostro marchio precedente raggiungevamo e spesso superavamo la quota di 30 titoli nei 12 mesi: ora abbiamo stabilito di non superare i 20 titoli, operando una selezione ancora più rigida.
I motivi di questa scelta sono molteplici. L'iperproduzione (le ultime stime parlano di quasi 60.000 nuovi libri ogni anno, oltre 160 al giorno) ha disorientato sia gli addetti ai lavori (librai, distributori, promotori, critici letterari, responsabili degli uffici stampa) che i lettori. I libri restano troppo poco sui banchi di vendita - spesso nemmeno due mesi - e nessuno ha il tempo di promuoverli, sfogliarli, comprenderli, leggerli, a volte toccarli semplicemente, con la triste conseguenza di finire negli scatoloni delle rese e poi al macero o nei casi migliori nei remainders.
Il nostro, ovviamente, è un gesto simbolico tendente a stimolare la sensibilità dei grandi gruppi editoriali che con le loro decisioni dominano il mercato italiano e fanno il bello e il cattivo tempo in libreria. Solo una riduzione del 15% almeno della loro produzione potrebbe infatti modificare questo scenario disastroso.

 

 

Come immaginate possa essere il vostro lettore ideale? E quali passi per avvicinare i lettori ai libri da voi editi?

 

Nel corso di questi 25 anni abbiamo incontrato talmente tante persone che è difficile fare il ritratto di un nostro lettore ideale. Certamente una persona curiosa, amante della storia, della buona letteratura e attenta anche alla veste grafica ed editoriale dei libri. Per avvicinare nuovi lettori siamo sempre alla ricerca di manifestazioni e ferie minori e periferiche ben organizzate. 

 

 

Quale dei vostri libri vi ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

Tra gli ultimi titoli pubblicati ci hanno soddisfatto, tra i romanzi italiani, Terroristi brava gente di Sergio Lambiase e Il teschio e la clessidra di Marina Petacco; mentre tra quelli stranieri Il veleno nel cuore di Marion Halligan e Redburn di Herman Melville.

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09450155 »