Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Midgard Editrice - Parla Fabrizio Bandini, Direttore Editoriale 07/05/2006
 

Intervista a Fabrizio Bandini, direttore editoriale della Midgard Editrice.

 

 

Le origini della vostra casa editrice?

 

La Midgard Editrice nasce nell'estate del 2004 su una mia iniziativa. Fino ad allora avevo frequentato il mondo dell'editoria come scrittore e come editor per varie case editrici e riviste. Poi, osservando che in Umbria non c'era nessuna realtà editoriale che si occupasse di poesia e narrativa in modo specifico, ho deciso di tentare questa impresa: fondare una casa editrice indipendente, underground, che si occupasse soprattutto di pubblicare autori esordienti o poco noti, di poesia e narrativa. Attualmente abbiamo quattro collane: poesia, narrativa, saggistica e fiabe.

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

Sicuramente, come ho detto prima, il fatto che siamo una casa editrice giovane, indipendente e di stampo underground, poco inclini a seguire la massa e il trendy, ma dediti soprattutto a pubblicare libri di qualità, di autori esordienti e poco noti, che non trovano spazio per pubblicare e farsi conoscere. Si tratta quindi di dare voce a un settore della letteratura e dell'arte che senza le case editrici, piccole, ma agguerrite, come noi, resterebbe sommerso e sconosciuto, schiacciato letteralmente dalla grande editoria.

 

Quale pensate che sia il futuro dell'editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

 

Nell'editoria italiana vedo ombre e luci. La grande editoria purtroppo propone sempre di più autori “commerciali”, di facile vendita e sicuro guadagno, spesso di qualità scarsa. Chi potrebbe investire anche sugli esordienti o su una letteratura di nicchia, chi ha notevoli risorse finanziarie, come le grandi case editrici, spesso non lo fa. Si accontentano semplicemente di fare una politica commerciale tesa al massimo guadagno.

Le piccole case editrici, invece, nonostante molte difficoltà e poche risorse, spesso pubblicano cose di qualità elevata.

Quindi ombre e luci, come dicevo prima.

Noi abbiamo scelto la strada di pubblicare poche cose, a bassa tiratura, ma di qualità.

Speriamo che la nostra scelta sia apprezzata.

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po' anche delle case editrici?

 

Credo che si tratti più che altro di un fatto culturale, o meglio, anti-culturale. In Italia si legge poco perché la cultura nel nostro paese è lasciata all'abbandono, come una cosa non produttiva e su cui investire poco. Non voglio fare sociologia spicciola, ma la triste realtà è questa. Finché non ci sarà la volontà politica di investire sulla cultura del nostro paese credo che la situazione non cambierà di molto.

 

Quale dei vostri libri vi ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

Non voglio fare nomi particolari, voglio solo dire che tutte e quattro le collane ci stanno dando soddisfazioni. I nostri libri sono apprezzati per la loro qualità dai nostri lettori. Ciò ci fa molto piacere. Questa è la filosofia editoriale della Midgard. Vi ringrazio molto per l'attenzione e vi saluto cordialmente. Grazie.

 

Midgard Editrice

Via C. Colombo 4

06127 Perugia

www.midgard.it

info@midgard.it

ìQuetsa

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09325121 »