Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Tabula Fati - Parla l'editore Marco Solfanelli 20/05/2006
 

Intervista a Marco Solfanelli, editore della “Tabula Fati”

 

Un'intervista? A me? E se poi dimentico di citare tutti gli autori? Forse sarebbe meglio intervistare loro (ma l'elenco lo fornisco io!).

 

Mi chiamo Marco Solfanelli, sono del 1954, dirigo una casa editrice, per carità!, mica una grande, una piccola piccola. Faccio tutto io! Certo, con la collaborazione di mio padre (una volta c'era anche mia madre), una segretaria, cinque collaboratrici tra redattrici e correttrici di bozze, decine di prefatori e critici letterari, un pugno di direttori di collane, e poi il grafico, la tipografia e tanti autori… Però, sia ben chiaro, faccio tutto io!

 

 

Le origini della sua casa editrice?

 

L'editoria è una tradizione familiare. Potrei partire dal 1962 con la Marino Solfanelli Editore, ma è troppo lontano nel tempo, e poi io non c'ero. Allora saltiamo al 1975 con le nuove Edizioni Solfanelli? Io c'ero ma siamo ancora troppo lontano nel tempo. Va bene, saltiamo ai primi anni Ottanta, è allora che la Solfanelli si da una caratura nazionale con le tante collane dedicate al fantastico e alla saggistica. Un collaboratore per tutti, Oreste del Buono, e fra i tanti saggisti Franco Cardini e Giorgio Galli. Solo una breve pausa tra il 1995 e il 1997, per poi ripartire con una nuova avventura, la Tabula fati, che nel nome porta il suo destino. Ma è solo un preludio, lo scorso anno 2005 diamo una svolta che riteniamo possa riportarci ad una valenza nazionale con la diversificazione della casa editrice in tre sigle editoriali.

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del suo progetto?

 

 

E' stato così sin dal principio: la volontà di coniugare letteratura popolare con saggistica di spessore. Nel nostro catalogo da sempre c'è stato spazio per onesti e sconosciuti scrittori a fianco di autori già affermati.

 

 

 

Quale pensa che sia il futuro dell'editoria in Italia e della sua casa editrice in particolare?

 

In fondo in fondo qui non cambia nulla, anno dopo anno constatiamo che solo le novità di qualità, ancorché legate alle mode del momento, si fanno classici consegnando all'umanità un accresciuto patrimonio di inestimabile valore.

La nostra casa editrice fa la sua piccola parte, sarà probabilmente solo letteratura popolare e d'evasione ma le nostre pretese non sono quelle di generare pietre miliari della civiltà, ma divertirci con l'onesto prodotto professionale di una passione familiare.

 

 

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po' anche delle case editrici?

 

In Italia si legge poco perché siamo un popolo solare, che ama la vita all'aria aperta, la buona cucina e la vita di comunità nelle mille piazze del nostro bel paese (altro che le brume germaniche!).  Siamo anche pochi milioni a parlare la lingua italiana, a differenza di altri popoli che hanno una popolazione molto superiore alla nostra, vedi francesi, spagnoli e anglofoni.

Le case editrici non hanno colpe! Se poi i lettori prendono “fregature” con tanta letteratura spazzatura è perché se lo sono andati a cercare! Perché non comprano le riviste letterarie?

 

 

 

Come immagina possa essere il suo lettore ideale? E quali passi per avvicinare i lettori ai libri da lei editi?

 

Il nostro lettore ideale è colui che è alla ricerca di letture appassionanti senza troppe elucubrazioni intellettuali. L'importante per noi non è avvicinarne altri lettori, ma non perdere quelli affezionati con qualche opera che si riveli una  “fregatura”.

Cerchiamo di essere attenti alle opere letterarie di “genere”, fantascienza, horror, giallo, che hanno un pubblico affezionato e attento. Investiremo molto nei prossimi mesi in questo campo.

 

 

 

Quale dei suoi libri le ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

Alcuni libri ci hanno dato soddisfazioni per il solo motivo di averli editi; alcuni hanno avuto anche un moderato successo di pubblico. Ricordo con piacere un'antologia di racconti “fantastici” di Luigi Pirandello, “La villa del caos”; ma sono veramente tanti i libri che ci hanno gratificato.

 

E' già finita l'intervista? Ma come si fanno a raccontare, in poche battute, oltre 500 titoli curati, rapporti di amicizia ed inimicizia con centinaia di autori, decine di direttori di collane, migliaia di lettori? E delle delusioni? Insomma, non si può raccontare una saga familiare in poche cartelle!

 

Facciamo ancora in tempo a riscrivere tutto daccapo?

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09325114 »