Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Marsilio - Parla Jacopo De Michelis, coordinatore dell'area fiction 20/05/2006
 

Risponde Jacopo De Michelis, coordinatore dell'area fiction della casa editrice Marsilio (http://www.marsilioeditori.it/)

 

 

La Marsilio Editori nasce il 23 febbraio 1961 (il nome è un omaggio a Marsilio da Padova, il filosofo del XIV secolo, straordinario pensatore e giurista ghibellino).

Oggi l'attività editoriale si articola in cinque settori fondamentali: la narrativa contemporanea italiana e straniera (con le collane “Romanzi e racconti”, “Farfalle”, “Marsilio X”), con particolare attenzione ai nuovi scrittori; i classici, raccolti nella collana “Letteratura universale Marsilio”; la saggistica, articolata in diversi settori quali critica letteraria, architettura e urbanistica, storia, cinema, musica, arte, psicologia; i libri illustrati e i cataloghi d'arte; la collana dei tascabili, con una sezione specifica dedicata ai grandi testi classici universali.

A più di quarant'anni dalla sua fondazione la casa editrice, che ha oggi sede a Venezia, può vantare un catalogo oltre 4000 titoli e un numero di publicazioni che oscilla tra le 200 e le 250 novità all'anno.

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

Una delle caratteristiche che sono state sempre riconosciute alla nostra casa editrice è la capacità di scoprire e valorizzare nuovi talenti letterari (con la Marsilio hanno esordito, fra gli altri, autrici e autori oggi di enorme successo come Susanna Tamaro, Margaret Mazzantini, Gianni Farinetti…).

Per continuare nel solco di questa tradizione, aggiornandola all'oggi, abbiamo appena varato una nuova collana dedicata alla ricerca della “letteratura di domani”, Marsilio X, dove sono usciti da poco due romanzi davvero innovativi come Supervita di Marco Bacci e Montezuma airbag your pardon di Nino G. D'Attis.

 

 

 

Quale pensate che sia il futuro dell'editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

 

Nel futuro dell'editoria ci sono sicuramente la Rete, il digitale, la multimedialità, e la Marsilio sta già lavorando in questo senso. Un piccolo esempio: siamo la prima casa editrice in Italia ad aver usato come veicolo promozionale il booktrailer (vedi il sito www.baciamigiuda.it).

Ma a parte questo, credo che nel futuro della nostra casa editrice ci sia il continuare a fare buoni libri, con passione intellettuale e cura artigianale, libri in grado di conquistarsi  un pubblico stimolando il cuore e la mente dei lettori.

 

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po' anche delle case editrici?

 

In parte non è colpa di nessuno: si legge sempre meno perché la lettura è incompatibile con i nostri ritmi di vita sempre più frenetici e perché oggi informazioni e narrazioni sono veicolate, in maniera più accattivante, da altri media (cinema, TV, Internet, videogiochi ecc.)

Ma siccome in Italia si legge meno che in altri paesi europei, ci sono anche delle colpe, che vanno equamente ripartite tra scuola, famiglia, governi e ovviamente i vari operatori dell'industria culturale (critici, editori, scrittori ecc.).

 

 

Come immaginate possa essere il vostro lettore ideale? E quali passi per avvicinare i lettori ai libri da voi editi?

 

Il nostro lettore ideale è qualsiasi persona che non abbia perso il gusto e il piacere della lettura, che non si è dimenticato che un romanzo può essere più appassionante e coinvolgente di un film e che un saggio è più approfondito e articolato di qualsiasi articolo di giornale.

 

 

Quale dei vostri libri vi ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

La lista completa dovrebbe essere piuttosto lunga, fortunatamente, ma comunque negli ultimi anni due autori in particolare ci hanno dato enormi soddisfazioni: nella narrativa il giallista svedese Henning Mankell (di cui è uscito da poco Piramide, nono e ultimo episodio  delle indagini del commissario Wallander), e nella saggistica Massimo Fini, autore del pamphlet fresco di stampa Il ribelle.

Perché? Perché sono autori i cui libri non possono lasciare indifferenti i lettori, in grado di farli emozionare e riflettere a ogni pagina.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09325567 »