Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Fernandel - Risponde l'editore Giorgio Pozzi 22/07/2006
 

Risponde Giorgio Pozzi, editore della Fernandel (http://www.fernandel.it/)

 

 

Le origini della vostra casa editrice?

 

La casa editrice ha preso il via  nel 1994, con la rivista “Fernandel”, che ospitava pagine di narrativa e di critica letteraria. Editare libri è stato il passaggio successivo ed è stato praticamente naturale...

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

Sicuramente il fatto di puntare su una narrativa molto attenta allo stile e all'intreccio, in cui la matrice autobiografica del racconto si unisca a uno sguardo critico e attento sulla società e sul tempo presente, lontano quindi da quella autoreferenzialità tipicamente letteraria che irrigidisce il rapporto tra autore e lettore, che noi preferiamo più informale, più intimo.

C'è poi anche l'importante lavoro di scouting fatto in questi anni: autori oggi ben affermati come Paolo Nori, Gianluca Morozzi, Grazia Verasani hanno cominciato a pubblicare proprio con Fernandel.

 

 

Quale pensate che sia il futuro dell’editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

 

L'Italia da questo punto di vista è un paese anomalo: una produzione di libri pari a quella di paesi come Francia e Germania e un numero di lettori drasticamente minore.

Per il futuro non è facile immaginare scenari, anche perché le nuove tecnologie giocheranno sicuramente un ruolo molto importante di cui oggi non è ancora possibile cogliere appieno la portata: dagli ebook (alcuni nostri testi stanno per entrare nel progetto Google Book Search) agli audiolibri, alla facilità sempre maggiore di produzione materiale dei volumi...

Per quel che riguarda Fernandel, sicuramente continueremo sulla nostra strada di attenzione a quei testi e a quella lingua capaci di raccontarci qualcosa su di noi. Abbiamo recentemente lanciato una collana, “Illustorie”, curata da Gianluca Costantini, in cui proponiamo fumetti ed esperimenti di contaminazione tra testo letterario e immagine: i risultati sono stati positivi ed è quindi una direzione su cui continueremo a lavorare.

 

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po’ anche delle case editrici?

 

A caldo e, forse, superficialmente, si potrebbe dire che è colpa della televisione, di una cultura di massa che allontana le persone dai libri e dalla lettura... ma così è fin troppo semplice. Sicuramente anche la scuola ha delle responsabilità in questo, se non è in grado di far appassionare gli studenti alla scoperta del testo scritto, della narrativa ma anche della saggistica.

In un mondo in cui si tende a semplificare sempre tutto forse riscoprire la complessità attraverso la parola scritta sarebbe un bel modo per rendere più ricca la vita sociale e culturale di questo Paese.

 

 

Come immaginate possa essere il vostro lettore ideale? E quali passi per avvicinare i lettori ai libri da voi editi?

 

Il lettore abituale di Fernandel è una persona curiosa, attenta, che non si accontenta e che soprattutto è interessata a conoscere il lavoro della casa editrice, a instaurare un rapporto di fiducia, non limitandosi solamente a leggere i nostri libri.

Oltre che per i titoli che presentiamo, il lettore si avvicina a noi anche per il rapporto informale e di amicizia che cerchiamo di instaurare attraverso i libri, gli incontri con gli autori, il nostro sito, su cui è aperto un forum in cui discutere liberamente dei libri, anche direttamente con gli autori.

Si potrebbe parlare quasi di 'senso di appartenenza', di comunità.

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09450122 »