Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Il mondo dell'editoria  »  Kellermann 19/08/2006
 

Risponde Roberto Da Re Giustiniani, responsabile editoriale della Kellermann Editore

http://www.kellermanneditore.it/index2.php

 

 

 

Le origini della vostra casa editrice?

 

La casa editrice è nata nel 1991, aggiungendo l’attività editoriale a quella già esistente di studio di progettazione creativa e grafica. Forse un nonno tipografo, con tanti libri di tecniche compositive visti da bambino; forse la passione per la lettura, il piacere del disegno, e una formazione artistica; forse la passione che accomunava alcuni amici nel provare anche quest’avventura, saranno state le molle di partenza per la nascita della Kellermann Editore. Aggiungerei anche una certa cocciutaggine nel non voler ascoltare il parere dei saggi che ci giudicavano pazzi…

 

 

Quali sono gli elementi di originalità del vostro progetto?

 

Essere originali a comando non esiste. O ci si crede nel proprio lavoro o si ha vita corta. Non credo nelle trovate ad effetto; il successo di una collana, la bontà di un progetto devono nascere dalla passione, da una buona dose di sperimentazione e soprattutto dal rigore con se stessi per  non accontentarsi del primo risultato ottenuto. E’ più faticoso, ma alla fine ripaga. Credo che la nostra originalità, se c’è, stia nel gusto di creare delle idee, nella scelta dei materiali non convenzionali, nella forma che supporta il contenuto senza distogliere l’attenzione. Nel senso di divertimento che sta dietro le quinte….

 

 

Quale pensate che sia il futuro dell’editoria in Italia e della vostra casa editrice in particolare?

 

Molti colleghi non la pensano come me. Io credo che il futuro del libro sarà sempre più lontano dalla conoscenza e più vicino al passaggio di emozioni. Non demonizzo i nuovi mezzi informatici, anzi continueranno ad occupare i primi posti nella fruizione quotidiana del sapere: ma non sostituiranno per molto tempo ancora il piacere di tenere in mano un libro, di leggerlo sotto un faggio, di perdersi nelle figure….

Ah…Una cosa molto importante per l’editoria indipendente sono le Rassegne editoriali che si svolgono in Italia: come Roma, Pisa, Chiari, Belgioioso, Pordenone, e Susegana. Quest’ultima, seguita direttamente dalla nostra casa editrice  con il sostegno di un’Amministrazione Comunale molto sensibile,  porta durante il terzo fine settimana di settembre almeno 6000 persone che scoprono a volte per la prima volta l’esistenza di certi editori e si avvicinano al libro in modo più gioioso che dentro le librerie…Anche questo serve.

 

 

In Italia si legge poco: di chi è la colpa? Un po’ anche delle case editrici?

 

La colpa è un po’ del mondo che cambia e di noi che non riusciamo a stargli dietro….anche delle case editrici. Mi fa arrabbiare per esempio vedere che esistono editori che copiano letteralmente le idee, la fatica di altri. Va di moda Harry Potter? E tutti giù a rifare storie fantasy in tutte le salse, col risultato di fare anche dei libri mediocri e senza passione. I lettori non sono scemi… Se devo aggiungere altre cause, direi anche tutti quelli insegnanti che fanno leggere antologie e non libri; che appiccicano schede di lettura sui quaderni invece di leggere insieme; e poi che le case editrici pubblicano troppo e di tutto: 56.000 titoli all’anno secondo le ultime stime nazionali, sono decisamente troppi!

Dimenticavo..: la colpa è anche di tutti quelli che scrivono poesie, ma non leggono nemmeno un libro di poesie!

 

 

Come immaginate possa essere il vostro lettore ideale? E quali passi per avvicinare i lettori ai libri da voi editi?

 

Beh, ovviamente un lettore simpatico ed intelligente, avevate dei dubbi...? Per avvicinarlo, avere una buona distribuzione e fare il più possibile presentazioni pubbliche. Un po’ alla volta si accorgono che esistiamo e se i libri non sono da buttare, i risultati si vedono…

 

 

Quale dei vostri libri vi ha dato le maggiori soddisfazioni e perché?

 

Abbiamo una collana “I Quaderni”, che va’ bene; ma anche alcuni libri nati dalla collaborazione con le scuole elementari. Lavorare con i bambini è sempre molto divertente e poi si verifica che la scuola è tenuta in piedi dall’impegno e dalla voglia di fare di molte maestre. La lista dei titoli potrebbe essere lunga e mi dispiace citarne uno e non altri. Alla prossima.

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09450179 »