Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista ad Andrea Camilleri 27/10/2006
 

L’intervista è ad Andrea Camilleri, autore siciliano (è nato a Porto Empedocle in provincia di Agrigento il 6 settembre 1925) di grande successo. Nonostante la sua diffusa notorietà, ritengo opportuno fornire alcuni cenni biografici, con notizie prevalentemente attinte sul web e in particolare sul sito “Andrea Camilleri Fan Club” (http://www.vigata.org/).

Negli anni 1945 – 1950 pubblica poesie e racconti, vincendo anche il premio St. Vincent; dal 1949 ha iniziato l’ attività di regista e sceneggiatore, legando il suo nome ad alcune delle più note produzioni gialle della Televisione Italiana, quali i telefilm del Tenente Sheridan e del Commissario Maigret; inoltre, si è occupato della messa in scena di diverse opere teatrali, fra le quali quelle di Luigi Pirandello.

Gradualmente ha affiancato a questa attività quella di scrittore; nel 1978 si ha il suo esordio nella narrativa con il romanzo “Il corso delle cose”, (Lalli editore), ma l’esito non è fortunato. Nel 1980 riesce a far pubblicare da Garzanti  “Un filo di fumo” , primo di una lunga serie di romanzi ambientati fra la fine del 1800 e l’inizio del XX secolo nella immaginaria cittadina siciliana di Vigata. Nel 1992 viene dato alle stampe per i tipi di Sellerio, la casa editrice che pubblica la maggior parte delle sue opere, il romanzo “ La stagione della caccia”. Questa volta il successo è immediato e corposo, ulteriormente incrementato nel 1994 con l’uscita de “La forma dell’acqua” , il primo di una lunga serie che vede protagonista il Commissario Montalbano. La sua produzione è veramente notevole e sempre di livello elevato; è caratterizzata dalla capacità di ricreare in modo coinvolgente l’ambientazione e nel saper inventare e ben delineare personaggi mai banali, ma sempre perfettamente integrati nelle trame.

Senza provvedere a elencare tutte le sue opere, e questo per evidenti ragioni di spazio, ritengo invece opportuno comunicare l’imminente uscita (per l’esattezza il 9 novembre) di un altro suo romanzo (Le ali della sfinge – Sellerio Editore) con protagonista il commissario Montalbano.  

 

 

Perché scrivi?

 

Perchè mi piace.

 

 

Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

No, quando voglio mandare messaggi scrivo lettere.

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

La lettura è l’unica scuola di scrittura. Più si legge e più si impara a scrivere.

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Di solito leggo romanzi, saggi storici e letterari.

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

Che io mi ricordi all’età di 7 anni con una poesia alla mamma, da allora ho continuato sempre salvo un’interruzione trentennale dedicata totalmente al teatro.

 

 

I tuoi rapporti con l’editoria.

 

Dopo dieci anni di rifiuti da tutti gli editori, quando ho pubblicato il mio primo libro e ha avuto successo i rapporti sono cambiati sino a diventare ottimi.  Però tra gli editori che allora mi rifiutarono non esisteva ancora la casa editrice Sellerio.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Tutto quello che mi piace scrivere cerco di scriverlo.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

No, certo non in modo radicale. Sicuramente ogni giorno che scrivo trovo un motivo in più per apprezzare la vita.

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

L’unico consiglio che mi sento di dare è quello di insistere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09445050 »