Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Aldo Moscatelli 22/12/2006
 

L’intervista è a Aldo Moscatelli, narratore leccese che ha al suo attivo già due pubblicazioni: il romanzo L’orologio di cenere e la raccolta di racconti Il cimitero dei giocattoli inutili, entrambi pubblicati nel corrente anno dalla Casa Editrice I Sognatori, da lui stesso fondata.

 

 

Perché scrivi?

Per lo stesso motivo per il quale respiro.

Il mio motto è: "datemi un foglio di carta e una penna, e avrete fatto di me un uomo felice!". Scrivo con piacere anche la lista della spesa. Seriamente: senza la possibilità di imprimere su carta le mie idee, i miei pensieri, le mie fantasie, sarei un uomo arido,
incompleto, inespresso. C'è chi dà sfogo alla propria creatività disegnando, chi cucinando, chi fotografando. La scrittura è il  mio mezzo comunicativo, la mia seconda bocca, se vogliamo.


Alla base di tutte le tue opere c'è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

Ogni lavoro fa storia a sé. Tuttavia, il tratto comune è rappresentato probabilmente dal rifiuto e dalla lotta alla realtà che ci circonda, il desiderio di cercare un rifugio, un limbo nel quale sentirsi liberi da ogni
tipo di costrizione. Riflettendo, sognando o agendo concretamente, non importa.
Quel che conta davvero è non accettare le brutture di questo mondo come un qualcosa di imperituro, di eternamente dato. Non intrappolare sogni e speranze
nelle maglie della materialità, della fredda razionalità. Non rinunciare a modificare lo stato delle cose solo perché "è tempo sprecato": ho già detto altrove che il senso di alcune esistenze, a volte, è da rintracciare nel valore simbolico della sconfitta, giacché la sconfitta non toglie senso a quel che si è detto e fatto.


Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

Moltissimo, anche se non in senso assoluto.

La lettura amplia il nostro vocabolario e le nostre conoscenze, ci consente di imparare dai grandi del passato. L'ignoranza, in tal senso, non aiuta affatto, specie lo scrittore alle prime armi : un esordiente senza cultura letteraria rischia di scrivere cose già
dette (spesso in maniera migliore) da altri, magari dopo aver nutrito l'illusione di aver partorito un'idea geniale.


Che cosa leggi di solito?

Quel che attira la mia attenzione, e che in qualche modo rientra in quelle "propensioni" che ogni lettore dimostra di possedere.

I generi che prediligo sono parecchi e forse è meglio citare gli autori che amo: Poe, Lovecraft, Benni, Kafka, Saint Exuperey.

Adoro i testi di filosofia (quella greca in particolar modo), e mi ritengo un attento studioso di psicologia, pedagogia, storia, religione, cinema (specie quello "di tensione") e musica (chi mi conosce sa che amo il rock in tutte le sue sfaccettature).


Quando hai iniziato a scrivere?

Tra i 13 e i 14 anni. iniziai con l'horror, ma non riuscii a "comporre" nulla di valido, riciclando idee già trovate in altri libri, o nei film ai quali mi appassionavo. Miglioravo regolarmente, però, e questo mi induceva a scrivere ancora, accantonando a scadenze regolari tutto ciò che avevo scritto in precedenza. Questa storia è andata avanti per anni, finché dalla mia penna è uscito fuori il racconto "Istantanea" (nel 1996 o giù di lì), recentemente incluso nel mio secondo lavoro, "Il cimitero dei giocattoli inutili". Con “Istantanea" ho capito di aver raggiunto la necessaria maturità, e da allora non mi sono più fermato.


I tuoi rapporti con l'editoria.

Pessimi, altrimenti non avrei fondato una mia casa editrice.

Credimi, in oltre dieci anni ne ho viste di tutti i colori: richieste di contributo, misteriosi smarrimenti, concorsi palesemente truccati. Di avvoltoi ne ho conosciuti tanti, e anche di incompetenti. Per non parlare della maleducazione dilagante. Ho avuto a che fare con decine di case editrici, e ognuna di esse mi ha "regalato" una piccola-grande delusione, e questo indipendentemente dai responsi offerti ai lavori che spedivo in giro. Sai, c'è modo e modo di dire "la tua opera non ci convince".
Ad ogni modo, qualcosa di buono ne ho ricavato: nel gestire la mia casa editrice, evito con grande attenzione di commettere gli stessi
errori della "concorrenza", e di offrire sempre qualcosa in più agli scrittori che si rivolgono a noi.





Che cosa ti piacerebbe scrivere?

Quel che mi piacerebbe scrivere l'ho già scritto, e lo sto scrivendo.

Per il futuro. mah, credo di dovermi confrontare prima o poi col genere fantascientifico, e spero di poter rispolverare qualche racconto horror rimasto nel cassetto: con le dovute migliorie, dovrei tirar fuori qualcosa di valido.





Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

Dipende. La scrittura in sé, slegata da pubblicazioni, case editrici e tutto il resto, decisamente sì. Ho trovato (come già detto) il mio mezzo espressivo, lo strumento col quale richiamare l'attenzione della gente e farmi apprezzare.
Diventare uno scrittore in senso ufficiale, invece, non ha cambiato nulla: mi alzo ogni mattina alle sette e lavoro dodici ore al giorno per poter rendere più forte e competitiva la casa editrice che ho fondato.

Non sono diventato famoso come Camilleri, o ricco come Dan Brown. Non sono stato intervistato dal tg1, né da Il corriere della sera. Il mio volto non è apparso in tivù, i miei libri non sono stati consigliati da Piero Dorfles. Niente di nuovo sotto il sole, avrebbe esclamato Qoelet.


Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

Leggere molto, e nello scegliere i testi dai quali imparare l'arte, non fidarsi dei libri sulla bocca di tutti, spesso e volentieri bufale colossali. Se poi volete accrescere il vostro senso di autostima, beh, allora qualche libercolo d'infima fattura (ce ne sono tanti, date un'occhiata alle classifiche di vendita, uno che fa al caso vostro lo troverete) potrà esservi d'aiuto.
Scrivete tanto, tantissimo, e non accontentatevi della prima cosa decente che pensate di aver tirato fuori dalla vostra fantasia. Soprattutto, scrivete per voi stessi, non lasciatevi imporre nulla, non crogiolatevi nella stima che, da un punto di vista letterario, l'amico o il parente possono dimostrarvi.
Fidatevi dei consigli di persone competenti (anche l'amico o il parente di cui sopra vanno bene, a patto che ne capiscano qualcosa), imparate l'arte del "mettere in discussione se stessi", accettate critiche e complimenti con la medesima umiltà, non accontentatevi mai, non mollate mai.

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09324325 »