Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Sabrina Manca 04/05/2007
 

L’intervista è a Sabrina Manca, narratrice nata a Cagliare, ma che attualmente risiede a Parigi.

Ha pubblicato dei racconti sulla rivista Storie e poi su varie riviste letterarie on line (“sagarana.net”, "el-ghibli.provincia.bologna.it", “leggendoscrivendo.it”)  E’ stata poi finalista del concorso “Il racconto di Natale 2006”, organizzato dalla scuola Holden.

Sito Internet:

http://ceraunavoltaunre.splinder.com/

 

 

Perché scrivi?

 

Perché non ne posso fare a meno. Ogni tanto leggendo qualcosa di bello giuro di lasciar perdere per sempre ma poi mi torna la voglia o il bisogno, piuttosto, di raccontare, di comunicare attraverso i miei racconti.

 

 

Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

No, non volutamente, almeno. Ci sono dei messaggi diretti a me stessa, questo si.

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

Essenziale.

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Dipende dal periodo dell’anno e dalle stagioni della vita. Ultimamente sono meno interessata ai romanzi e più alle biografie, i saggi, le scritture giornalistiche e di viaggio (Annemarie Schwarzenbach, per esempio) ma non ho preclusioni particolari. In un certo tipo di scrittura mi trovo a mio agio e questo è piacevole ma ritengo anche di dover correre dei rischi, come lettore.

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

I primi racconti alle scuole elementari. A quattordici completai il mio unico romanzo. Era un libro Harmony, serie rossa”passione”.

 

 

I tuoi rapporti con l’editoria.

 

Nessuno per il momento.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Mi piacerebbe avere più coraggio di quello che ho dimostrato sino ad ora nella mia scrittura. Esprimere una parte di me che sta lì a nascondersi e schivare gli sguardi.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

Si, nel senso che è la passione che mi permette di giustificare ed equilibrare tutto quello che è ugualmente presente nella mia vita ma che mi piace molto, molto meno.

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

Leggere molto, avere il coraggio di mettersi in discussione e farsi criticare da chi ne ha i mezzi e le capacità, e soprattutto non lasciarsi abbattere da quelle stesse critiche o dagli insuccessi.

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09325080 »