Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Enzo Lombardo 18/05/2007
 

L’intervista è a Enzo Lombardo, nativo di Catania, ma residente a Rapallo, di professione fiscalista e appassionato narratore per diletto. Ha scritto anche un romanzo, Lia di Porta Portese, per ora in e-book e presente sul sito “I sogni nel cassetto”. Lo potete trovare qui.

 

Perché scrivi?

 Perchè mi diverte. Perché, se no?

 Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri? 

 Uno, nessuno e centomila. Come disse un mio conterraneo dalle idee alquanto bizzarre. In ogni racconto deve esserci un messaggio: in assenza diviene una busta senza lettera.

Non è sempre lo stesso messaggio, ovviamente: purtroppo io non ho che piccoli messaggi. Bisogna accontentarsi. Trovarne uno bello grosso, valido sempre e comunque, sarebbe forse più comodo ma certo un po’ monotono.

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere? 

 Assolutamente, certissimamente, sì.   

 Che cosa leggi di solito? 

Rileggo “Tre uomini in barca (per non parlar del cane)” di Jerome K. Jerome (per tirarmi su), “I fiori blu” di Queneau (per sollevarmi ancora un poco) e tanto Topolino (per mantenermi sempre alla stessa quota). Intramezzo anche molti scrittori del Novecento. Circa un romanzo alla settimana (faccio il pendolare Rapallo - Genova: come farei senza un libro?). Mai scrittori cult. Sarà invidia?

 Quando hai iniziato a scrivere? 

Credo a quindici anni. Sì. Qualche poesia ed abbozzo di racconto. Persi nella polvere degli anni. Meno male.

 I tuoi rapporti con l’editoria.

Per adesso: nessuno. E’ un mondo bellissimo e (per me) sconosciuto. Forse è bellissimo proprio perché sconosciuto. E poi... dove lo trovo il tempo (ed il denaro) per le incombenze relative senza rischiare il divorzio?  

 Che cosa ti piacerebbe scrivere?

Di tutto e di più. Sembra una battuta ma è la verità. Spesso le battute contengono grani di verità.

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 Non l’ho mai permesso. Scrivere è un piacere in più, non una nevrosi né una ragione di vita.

 Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

1) - Leggere, leggere ed ancora leggere. Amare il romanzo o racconto che si sta leggendo come fosse l’unico romanzo al mondo degno di essere letto. Appena letto dimenticare il nome dell’Autore ed attaccare a leggerne un altro. Non interessa memorizzare nomi, cognomi e date: quella è solo erudizione. Interessa assorbire pian piano la linfa vitale di ogni Autore, svuotarlo, fagocitarlo. Una cosa da vampiri, insomma.

 2) - Scrivere tanti “incipit” e lasciarli maturare qualche mese. Un’idea, un personaggio: un incipit. Qualcosa dentro matura da sola. Senza sforzo. Il racconto si crea e si delinea da se. Il personaggio cresce e si delinea. Una specie di miracolo. Se il miracolo non avviene neppure con genuflessioni e novene, si può sempre cestinare.

3) - Non scrivere mai “tanto per scrivere e pubblicare qualcosa”. Ci sono modi diversi di perdere tempo.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09451007 »