Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista ad Antonello Bianchi 12/10/2007
 

 

Antonello Bianchi nasce a Roma il 21 giugno 1974. I suoi primi approcci col mondo dell’arte risalgono al 1986, quando ascolta musica sinfonica e legge Rimbaud.

Il 27 agosto 1990 scrive il suo primo componimento poetico titolandolo proprio con quella data che diverrà da allora in poi il suo nuovo genetliaco.

Dal settembre 1992 prende parte a incontri di poesia. Qualche mese più tardi recita per la prima volta in pubblico alcuni suoi componimenti. Subito dopo è avvicinato da una giornalista del Corriere della Sera che riporterà poi l’intervista in un articolo pubblicato il 27 marzo 1993.

A tutt’oggi vanta una produzione di quasi 300 componimenti lirici divisi in nove raccolte (di cui una in lingua inglese), due racconti brevi e un libello di filosofia che viene inserito nella sua tesi di laurea in Scienze della Formazione dal titolo “Allegoria dell’io e tripartizione della natura umana nell’antroposofia e nell’arte dell’educazione di Rudolf Steiner”.

Le sue raccolte hanno una determinata forma: ogni silloge contiene 27 poesie a tema divise in 5 sezioni, con note a piè di pagina. Egli crede, infatti, che una tale architettura possa assicurare una struttura organica e omogenea senza annoiare o risultare incomprensibile. I temi maggiormente trattati sono il rapporto tra il sé e l’altro-da-sé , la solitudine e la spiritualità, il pensiero e l’arte.

Entro la fine del corrente anno uscirà, per i tipi de Il Foglio, la silloge “Il tacere del pendolo”.

 

 

Perché scrivi?

 

Scrivere è sempre stato per me come riempire di istantanee un album di fotografie, come archiviare un pensiero, un’emozione, un’esperienza.

 

 

Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

         Probabilmente sì. Il messaggio potrebbe essere: la vita è dura e meravigliosa, a noi l’onere di approfittarne.

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

         Certo che sì, anche se è altrettanto importante saper osservare bene ciò che si ha intorno filtrando sapientemente la realtà attraverso la propria sensibilità.

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Gli ultimi tre libri letti sono: Nuvole. Casa. di Elfriede Jelinek, La testa ben fatta di Edgar Morin e Frammenti di un discorso amoroso di Roland Barthes. L’ultima poesia: Poemi dei due esili di Fernando Pessoa.

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

Esattamente il 27 agosto del 1990, titolo della mia prima poesia. Per me è stata la presa di coscienza che la sola parola detta non era più sufficiente per esprimere quello che avevo dentro.

 

 

I tuoi rapporti con l’editoria.

 

Ammiro moltissimo gli operatori del settore, i quali hanno la mia solidarietà e stima. Credo sia un lavoro molto gratificante e stimolante ma allo stesso tempo difficile e che mette a dura prova dedizione e passione.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Un romanzo-poema da leggere ascoltando una selezione di musica sinfonica scelta da me.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

Credo di aver trovato le “radici” della mia vita nella poesia. Mi riconosco spontaneamente scrittore di versi. Nei periodi in cui non scrivo mi sento  “radicalmente” incompleto.

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

Sincerità, personalità e provocazione.

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09325613 »