Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Franca Maria Bagnoli 24/04/2006
 

L'intervista è a Franca Maria Bagnoli, insegnante in pensione, autrice di poesie, di racconti e di un libro di favole per bambini “Bambini e animali”.

 

 

Perché scrivi?

Scrivo per due motivi fondamentali:

1) comunicare le mie idee e opinioni e confrontarle con quelle degli altri;

2 ) a scopo terapeutico. Penso che la scrittura preservi

l' equilibrio della mente e dell' emotività. Almeno per me funziona così.

 

 

 

Alla base di tutte le tue opere c'è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

Cerco di trasmettere un messaggio di speranza, di solidarietà specialmente per gli ultimi, di amore per la pace. Cerco di far riflettere il lettore sulla tragica divisione che attraversa il nostro Pianeta: un quinto dell' umanità vive in uno sfacciato benessere. I quattro quinti vivono nella malattia, nell' ignoranza e muoiono per fame. Penso che sia necessario risvegliare il sogno utopico di un futuro di giustizia e di pace. L' utopia intesa come progettualità di un futuro che ancora non c' è ma che potrebbe esserci.

Balducci parlava di realismo dell'utopia. Se non releghiamo la guerra nell' archeologia della storia, il tipo e la quantità di armi che possediamo produrranno l' estinzione del genere umano.

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

E' fondamentale.

 

 

Che cosa leggi di solito?

Romanzi, saggi, documenti, specialmente quelli relativi al Terzo Mondo e alle leggi di mercato.

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

Molto presto, nell' adolescenza. Quando ero molto piccola e non sapevo ancora scrivere mi divertivo ad inventare storie.

 

 

I tuoi rapporti con l'editoria.

Forse a torto, non ho una buona opinione dell' Editoria. Il mio libro di favole “Bambini e animali” è stato pubblicato da un piccolo editore mio amico, una persona eccezionale che si spende per la pace. Ha pochi mezzi economici che non gli consentono la distribuzione.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

Un saggio sul neoliberismo che ritengo un cancro della nostra società. Ma non ho tutte le competenze necessarie per farlo.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

In modo radicale, no. Ma l' ha resa più felice.

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

Uno: scrivere di argomenti che lo interessino e lo appassionino totalmente, in modo semplice e chiaro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09518756 »