Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Ivan Jutzi 24/04/2006
 

L'intervista è a Ivan Jutzi, giornalista svizzero e ricercatore indipendente, poeta e narratore dallo stile inconfondibile e raffinato; inoltre è fondatore e coordinatore del sito web Nucleo Culturale (http://www.nucleoculturale.org/_sgt/f10000.htm).

 

 

Perché scrivi?

Si tratta di una vera e propria necessità psico-fisica. Inoltre, la scrittura è una passione costruttiva suscettibile di formare l'individuo. 

 

 

Alla base di tutte le tue opere c'è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

Non vi è mai un solo messaggio. Ve ne sono molteplici, sovente occultati dietro un velo metaforico. Il simbolismo è per me un mezzo grazie al quale rappresentare la realtà. Sinteticamente, la parola evoca un'immagine emblematica carica di significati. 

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

E' essenziale. La lettura si profila ai miei occhi come una forma di apprendimento che consente di evolvere a livello tematico-contenutistico e formale.

 

 

Che cosa leggi di solito?

Tutto ciò che reputo interessante. Non vi è una tipologia testuale da me prediletta. Vi sono invece delle opere che mi hanno affascinato più di altre: la Commedia dantesca, Le Spleen de Paris e Les fleurs du Mal di Baudelaire, Il Cortegiano di Castiglione, i saggi sociologici di Edgar Morin – e in particolare L'Esprit du temps – nonché le stupefacenti analisi dello storico delle religioni Mircea Eliade.  

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

A nove o dieci anni.

 

 

I tuoi rapporti con l'editoria.

Sono in fase di sviluppo.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

Allo stato attuale conduco delle ricerche attorno ad una particolare forma della violenza da me marginalmente studiata all'Università di Losanna. Preferisco comunque evitare le precisazioni.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

No. Ma mi ha consentito di essere più felice e di sprigionare quella forza interiore troppo spesso repressa, soprattutto da adolescente. Malgrado la scrittura sia sovente sinonimo di sofferenza… A titolo esemplare, sono solito sfruttare determinati stati psichici come la tristezza a fini creativi.

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

Il consiglio presuppone un'interazione tra individui squilibrata, verticale, dall'alto verso il basso. Ed io non sono né un punto di riferimento, né una figura esemplare. Come tutti, sbaglio. 

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09168701 »