Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Alessandro Canzian 29/06/2006
 

L’intervista è a Alessandro Canzian, classe 1977 di Fanna (PN), poeta sensibile ed elegante, già autore di due pubblicazioni  (Christabel e La sera, la serra).

 

 

 

 

Perché scrivi?

 

Scrivere, credo sia per tutti gli autori a tutti i livelli, è una necessità personale. È un aver qualcosa da dire attraverso uno strumento sublimato e onnicomprensivo quale può essere la parola poetica. Che similmente alle altre forme d’arte consiste in una manipolazione fisica del pensiero finalizzato a una comunicazione.

 

 

 

Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

Il messaggio è un iter che si forma. Un viaggio di miglioramento dell’uomo. Un miglioramento personale che tende ad ampliarsi al lettore. O almeno a quel lettore in grado di recepire e condividere il messaggio.

 

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

Sicuramente si. Ma leggere di poesia è un po’ come pregare. Bisogna sentire il momento giusto per farlo. Perché le opere hanno un significato differente per ogni periodo differente della vita di una persona. Che, lo ripeto, deve essere comunque nello stato d’animo corretto per poterlo recepire.

 

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Prevalentemente leggo poesie. In questo periodo specifico sono alla ricerca di poeti contemporanei che configurino più concretamente il panorama letterario odierno e futuribile.

 

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

Le prime sciocchezze a quattordici anni.

 

 

 

I tuoi rapporti con l’editoria.

 

Prevalentemente da autore. All’inizio del prossimo anno, spero, anche da editore.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Un’opera che abbia un senso intenso e significativo per l’uomo di oggi e di domani. Un’opera che possa aiutare qualcuno –non tutti, sarebbe un’utopia- a sciogliersi dai legami delle contraddizioni del nostro tempo –ma, in fondo, di tutti i tempi- per intraprendere un cammino personale che sfoci nel: Ecce homo, per quanto umanamente possibile.

 

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

Direi, più correttamente, che ne ha dato un senso.

 

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

Il primo è sicuramente l’umiltà. Bisogna tanto “farsi le ossa” ascoltando le figure “maggiori” che si hanno attorno. E leggere e scrivere tanto tanto tanto. Oltre a pensare. Tanto tanto tanto. La poesia è prevalentemente pensiero che diventa testo. Da questo non si può prescindere.

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09324279 »