Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Paolo Rodriguez 15/07/2006
 

L’intervista è a Paolo Rodriguez, classe 1943, riminese di nascita e di residenza, autore della silloge “Col cappello da poeta”, già oggetto di mia recensione, alla quale, per brevità e completezza, rimando il lettore per descrivere la poetica dell’autore (http://www.arteinsieme.net/renzo/index.php?m=31&det=585)

 

 

 

Perché scrivi?

 

Per uscire dal sogno del silenzio e combattere i mulini a vento della realtà.

 

 

Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

No, assolutamente. La poesia è IL messaggio, non UN messaggio.

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

Certamente: si può dipingere senza entrare mai in un negozio di colori?

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Narrativa (di qualsiasi genere, per relax, e poesia per studiare).

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

Battutaccia: da quando ho smesso di fare le aste (ai miei tempi le elementari cominciavano così…). Seriamente: da bambino mi piaceva già scrivere racconti (western…) poi alle Superiori, ancora qualche racconto. Dopo il diploma (ragioniere!) mi sono imbattuto in un manifesto di un premio di poesia per giovani, e ho provato più che altro per curiosità: dai risultati ho visto che mi piaceva proprio, e anche che funzionava abbastanza. Poi c’è stato il lavoro, la Pirelli, la banca, e ho lasciato perdere, tranne qualche estemporanea prova. Poi la pensione, i laboratori di scrittura narrativa e poetica, ed è nato il grande amore.

 

 

I tuoi rapporti con l’editoria.

 

Nel senso di esperienze? Nel 2001 con gli arretrati della pensione ho stampato a mie spese un quadernetto di poesie con l’editore Per Bellezza di Roma, distribuito gratis ad amici e parenti, quindi esaurito. Nel 2005 “Col cappello da poeta” con la Midgard Editrice di Perugina, che raccoglie gran parte del mio lavoro di questi ultimi quattro anni. Devo dire che il primo, di cui ho potuto scegliere grafica, impaginazione, carta, copertina ecc. mi ha dato un senso più compiuto del “pubblicare”.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Un romanzo. Ci sto provando da quarant’anni, ne ho cominciati a decine, ma dopo poche righe i protagonisti fanno i comodi loro e il progetto iniziale va a farsi benedire. A dire la verità sono anche troppo pigro. E a dire la verità per intero non ci so fare, ho letto troppo per non sapere come è fatto un bel romanzo e che ci vuole una stoffa che non ho. Mi consolo (e molto!) con la poesia, che però a un “bacino di utenza” molto ridotto, ormai sta diventando un gergo tra specialisti.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

Mi sta dando una bella mano a convivere con la vecchiaia e i suoi troppi inconvenienti, ma non credo di essere cambiato radicalmente (per ora: magari quando vincerò il Nobel per la letteratura, chissà).

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

Leggere. Confrontarsi con tutti. Capire che tutti abbiamo qualcosa da imparare da tutti. Ma soprattutto non dare retta ai consigli dei Grandi Maestri o delle mezze figure (come me), perché ognuno di noi si deve fare il suo sentierino da solo e capire dove può arrivare, e come.

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09325101 »