Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Siti amici  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Il cerchio infinito  
 
Canti celtici  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Libri e interviste  
 
Intervista all'autore  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
 
 

  Intervista all'autore  »  Intervista a Remo Bassini 27/07/2006
 

L’intervista è a Remo Bassini, nato nel 1956 a Cortona (AR) e vive a Vercelli, dove dirige il periodico “La Sesia”. E’ apprezzato romanziere e in quanto tale ha pubblicato con La Sesia “Il quaderno delle voci rubate”, con Mursia “ Dicono di Clelia” e con Fernandel “Lo scommettitore”. Ulteriori notizie e approfondimenti sul suo sito personale (http://www.remobassini.it/)

 

 

 

Perché scrivi?

 

Viaggio, vado lontano, altri mondi.

 

 

Alla base di tutte le tue opere c’è un messaggio che intendi rivolgere agli altri?

 

No, scrivo per raccontare storie. A volte però succede che quello che scrivo contenga un messaggio, ma è involontario. Io guardo la vita con gli occhi di chi vuol capire, di chi si interroga, di chi si stupisce e ama stupirsi, appunto, scrivendo.

 

 

Ritieni che leggere sia importante per poter scrivere?

 

Penso di sì, ma solo per carpire i segreti della scrittura. Le storie già scritte dagli altri scrittori se entrano nelle nostre storie vanno citate. Bisogna leggere tanto ma guai se non si legge, in primo luogo, la vita. Saremmo delle fotocopiatrici, anziché dei testimoni. Leggo a volte qualche giovane scrittore: che scrive bene, per carità, magari meglio di me, ma, mi chiedo leggendolo, queste storia da dove arrivano? Mi assale un sospetto, dico e ripeto a volte: arrivano dalla tivù, dal cinema, da altri libri.

 

 

Che cosa leggi di solito?

 

Attualmente molti contemporanei (don Luisito Bianchi, Grazia Verasani, il grande Saramago) e molti gialli (Izzo, Mankell, Chandler), ma leggo anche giornali (dove ci sono le storie vere da cui trarre, eventualmente, spunti) e, poi, rileggo, perché la nostra memoria è bastarda: e ora sto rileggendo, a rilento, Pasolini e Remarque ma, faccio un esempio, mesi fa ho ripreso Shakespeare e Pirandello: sono immortali e più contemporanei di quanto si possa credere.
Dimenticavo: poi leggo romanzi e racconti di tanti aspiranti scrittori che mi chiedono consigli. Lo faccio, anche se il tempo è poco (perché di mestiere faccio il giornalista) ma penso sia giusto farlo: un giorno c’è stata una persona, una scrittrice, che senza conoscermi e senza chiedere nulla, lesse un mio manoscritto e mi diede delle dritte. La considero un esempio. Non sopporto gli scrittori che non rispondono a lettere o mail.

 

 

Quando hai iniziato a scrivere?

 

A vent’anni, dopo un periodo brutto della mia vita. Iniziai un romanzo mettendo le mani avanti: sulla copertina che conteneva i fogli battuti a macchina scrissi la sigla S.F., significava scrittore fallito. Ero giovane e romantico. Poi, dopo una sciagurata parentesi di poesie illeggibili, ho scritto il primo romanzo che avevo 38 anni, l’ho finito che ne avevo 40, è stato pubblicato quando avevo già compiuto 45 anni. Poi quest’anno, appena compiuti 49 anni, due romanzi in un colpo solo: Dicono di Clelia, che è uscito per Mursia, e Lo scommettitore, per Fernandel.

 

 

I tuoi rapporti con l’editoria.

 

Nell’editoria c’è di tutto: banditi e gente veramente appassionata. Io sono stato alla larga dai banditi, ma ho incontrato tanta freddezza, distacco. Non posso quindi che avere una particolare predilezione per case editrici come Fernandel, che sono passionali, e che ti seguono, e che festeggiano quando vendi 500 copie in più. Ma sarò sempre grato anche a Mursia, l’editore che mi ha lanciato. In ogni caso: sull’editoria è bene essere informati, e internet in questo è utilissimo, ma attenzione: è sbagliato dire che la Tal casa editrice fa schifo perché non legge manoscritti e la Talaltra invece è okey; è sbagliato perché abbastanza di frequente nelle case editrici cambiano le strategie e i direttori.

 

 

Che cosa ti piacerebbe scrivere?

 

Voglio semplicemente continuare a scrivere, a prescindere dalla pubblicazione. La scrittura mi ha regalato dei momenti bellissimi: di notte, solo in una stanza, con un caffè bollente a pensare, vedere, spaziare. Ed esplorare anche parti di me che non conoscevo. Come dice Flaubert, uno scrittore dovrebbe vivere da buon borghese e pensare come un pazzo.

 

 

Scrivere ha cambiato in modo radicale la tua vita?

 

Radicalmente. Non c’è giorno che io non pensi a scrivere. Vedo cose che possono, potrebbero diventare storie.

 

 

Qualche consiglio per chi ha intenzione di iniziare a scrivere.

 

Non sognare né la fama né i soldi né la gloria. Semmai. Essere umili, sempre, e non arrendersi mai di fronte alle sconfitte. Un’ultima cosa, poi: non credere alla favola che scrittori si nasce. Scrittori si diventa, soffrendo, per esempio, ma non necessariamente: è sufficiente imparare a leggerla la sofferenza, nel viso degli altri, e non solo la sofferenza. Ecco, semplifico: occorre andare in profondità e imparare a scrivere. Non è facile, ma si può.

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 09329095 »