Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  La donna che parlava con i morti, di Remo Bassini - Newton Compton Editori: Renzo Montagnoli intervista l'autore 25/10/2007
 

Intervista a Remo Bassini, autore del romanzo “La donna che parlava con i morti”, edito da Newton Compton.

 

 

In questi giorni è uscito il tuo ultimo romanzo, La donna che parlava con i morti.

Ce ne vuoi parlare?

 

E' un giallo che non sembra un giallo. Su tutti, emergono due donne: Anna, una commessa anarchica che soffre di depressione e sogna di fare l'investigatrice privata, e Marta, la donna che parla coi morti. Marta è una presenza-assenza. Ma è attorno a lei che ruota tutto. Anna, invece, ricostruisce. Anna e Marta, poi, geograficamente sono lontane: la prima sta al nord, in una città che potrebbe essere Vercelli, Marta invece vive nel centro Italia, in una piccola località tra Cortona, che è il mio paese, e il lago Trasimeno.
Anna e Marta sono legate e collegate alla vicenda di quattro amici. Anna e Marta, quattro amici, un grande amore e due maledizioni: il libro è questo, ma non solo questo, spero.

Nel libro ci sono anche due mondi che si guardano, e si osservano: quello contadino e quello della rete e delle chat.

 

 

Quale è la tua opinione in ordine all'esoterismo e comunque relativamente a tutti quei fenomeni che vanno oltre l'umana comprensione?

 

Penso che il mistero è mistero e quindi fa paura. Io non ho certezze, ma dico solo questo: la donna che parla coi morti, esiste, le ho chiesto di poter scrivere, almeno un po', del suo mondo, promettendole l'anonimato.

Dico ancora questo di lei: è una donna che qualcosa dentro ti lascia. Un segno.

 

 

Questo è il tuo quarto romanzo ed è pubblicato da Newton Compton, cioè da una casa editrice diversa dalle precedenti (La Sesia, Mursia e Fernandel).

C'è un motivo particolare per cui ogni volta cambi editore?

 

No, dipende dal caso.

 

 

Quali sono gli elementi qualificanti e quali quelli meno validi di Newton Compton?

 

Diciamo che il fatto che «La donna che parlava con i morti» costi 9 euro e 90 per me è un elemento qualificante: perché i libri costano troppo.

Diciamo anche che io, magari masochisticamente, ho una simpatia e una propensione a scrivere per case editrici che non siano colossi.

Alla Newton lo sanno: non dico sicuramente, dico che probabilmente avrei potuto pubblicare per un altro editore. Diciamo più grosso. Non l'ho fatto, semplicemente perché avevo dato la mia parola a Raffaello Avanzini, della Newton.

 

Hai programmi, ovviamente letterari, per il futuro?

 

Continuare a scrivere, certo, anche se è più facile a dirsi che a farsi. Per scrivere occorre aver qualcosa da dire e io, ora, sinceramente non so se il mio cammino proseguirà. Magari scrivo tre romanzi in un anno, magari più niente. Chissà.

 

 

Ti ringrazio, Remo, e ti auguro che questo libro abbia il successo che certamente meriti.

 

 

La donna che parlava con i morti

di Remo Bassini

Newton Compton Editori

Narrativa – romanzo

Pagg. 240

ISBN: 978-88-541-0962-9

Prezzo: € 9,90

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011176475 »