Area riservata

Ricerca  
 
Siti amici  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
News  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Libri e interviste  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  La donna che parlava con i morti, di Remo Bassini - Newton Compton Editori: Renzo Montagnoli intervista l'autore 25/10/2007
 

Intervista a Remo Bassini, autore del romanzo “La donna che parlava con i morti”, edito da Newton Compton.

 

 

In questi giorni è uscito il tuo ultimo romanzo, La donna che parlava con i morti.

Ce ne vuoi parlare?

 

E' un giallo che non sembra un giallo. Su tutti, emergono due donne: Anna, una commessa anarchica che soffre di depressione e sogna di fare l'investigatrice privata, e Marta, la donna che parla coi morti. Marta è una presenza-assenza. Ma è attorno a lei che ruota tutto. Anna, invece, ricostruisce. Anna e Marta, poi, geograficamente sono lontane: la prima sta al nord, in una città che potrebbe essere Vercelli, Marta invece vive nel centro Italia, in una piccola località tra Cortona, che è il mio paese, e il lago Trasimeno.
Anna e Marta sono legate e collegate alla vicenda di quattro amici. Anna e Marta, quattro amici, un grande amore e due maledizioni: il libro è questo, ma non solo questo, spero.

Nel libro ci sono anche due mondi che si guardano, e si osservano: quello contadino e quello della rete e delle chat.

 

 

Quale è la tua opinione in ordine all'esoterismo e comunque relativamente a tutti quei fenomeni che vanno oltre l'umana comprensione?

 

Penso che il mistero è mistero e quindi fa paura. Io non ho certezze, ma dico solo questo: la donna che parla coi morti, esiste, le ho chiesto di poter scrivere, almeno un po', del suo mondo, promettendole l'anonimato.

Dico ancora questo di lei: è una donna che qualcosa dentro ti lascia. Un segno.

 

 

Questo è il tuo quarto romanzo ed è pubblicato da Newton Compton, cioè da una casa editrice diversa dalle precedenti (La Sesia, Mursia e Fernandel).

C'è un motivo particolare per cui ogni volta cambi editore?

 

No, dipende dal caso.

 

 

Quali sono gli elementi qualificanti e quali quelli meno validi di Newton Compton?

 

Diciamo che il fatto che «La donna che parlava con i morti» costi 9 euro e 90 per me è un elemento qualificante: perché i libri costano troppo.

Diciamo anche che io, magari masochisticamente, ho una simpatia e una propensione a scrivere per case editrici che non siano colossi.

Alla Newton lo sanno: non dico sicuramente, dico che probabilmente avrei potuto pubblicare per un altro editore. Diciamo più grosso. Non l'ho fatto, semplicemente perché avevo dato la mia parola a Raffaello Avanzini, della Newton.

 

Hai programmi, ovviamente letterari, per il futuro?

 

Continuare a scrivere, certo, anche se è più facile a dirsi che a farsi. Per scrivere occorre aver qualcosa da dire e io, ora, sinceramente non so se il mio cammino proseguirà. Magari scrivo tre romanzi in un anno, magari più niente. Chissà.

 

 

Ti ringrazio, Remo, e ti auguro che questo libro abbia il successo che certamente meriti.

 

 

La donna che parlava con i morti

di Remo Bassini

Newton Compton Editori

Narrativa – romanzo

Pagg. 240

ISBN: 978-88-541-0962-9

Prezzo: € 9,90

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 014019246 »