Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  Luigi Panzardi e Addii d'un rosso inconscio – Magnetica Edizioni 13/12/2007
 

Intervista a Luigi Panzardi, autore del libro Addii d'un rosso inconscio, edito da Magnetica Edizioni.

 

 

E' uscito proprio in questi giorni il tuo ultimo libro intitolato Addii d'un rosso inconscio, una raccolta di racconti.

Ci vuoi parlare di questo tuo lavoro e ci vuoi spiegare i motivi di un titolo così strano?

 

Il titolo annuncia, sia pure vagamente, l'esito drammatico dei racconti, i cui personaggi, essendo dotati di personalità per così dire insolite, fuori della norma, al limite, o dentro la follia, fanno sorgere questa sensazione di stranezza, giustamente rilevata. Nella stessa prefazione, di cui pure sono l'autore, col riferimento  al tragico e misterioso  passaggio dalla lucidità alla follia in cui si perdette la mente di F. Nietzsche, intendo  avvicinare l'eventuale lettore al mistero, sempre vigente, che annebbia talune alterazioni della mente. E da queste alterazioni seguono poi le aberrazioni del comportamento che rendono drammatica la relazione dell'uno con gli altri. Sulla strada di queste anomalie si arriva al fantastico, da intendersi però più come un realtà che supera gli stessi limiti della fantasia, anziché come un irreale fine a sé stesso.

 

 

 

 

 

 

In questi racconti c'è un comune filo conduttore, o meglio ancora, c'è uno stesso messaggio che li lega?

 

I racconti sono eterogenei, e molto, fra di loro, né poteva essere diversamente, trattandosi ciascuna di una storia a sé, con personaggi che hanno ognuno un proprio destino. Eppure un robusto e nero filo li unisce, una specie di fratellanza al negativo, che dà alla fine la sensazione di una comune loro sfortuna nello scorrere di avvenimenti assolutamente diversi.

L'unico messaggio rilevabile, ma non certo espresso, sarebbe l'invito caloroso al lettore di curare sempre la propria integrità mentale.

 

 

Questa non è la tua prima pubblicazione, ma con questo editore è la prima volta che hai lavorato.

Come ti sei trovato?

 

Sinceramente è ancora presto per dare un giudizio complessivo e definitivo. Ritengo che l'efficienza di un editore non stia nella semplice pubblicazione di un testo, ma soprattutto nella volontà e capacità di diffondere l'opera, crearle intorno l'ambiente più favorevole all'approccio con i lettori. Sicuramente finora con questo editore c'è stata onestà nel rapporto e  reciproca, affabile collaborazione in tutto ciò che ha riguardato la cura dell'edizione. In più vorrei segnalare la pazienza avuta da lui nell'accogliere sempre puntualmente le mie ripetute revisioni al testo.

 

 

Hai dei progetti letterari in corso?

 

In verità, non pochi; uno però  in particolare, un romanzo la cui stesura  è quasi alla fine e di cui tuttavia non posso dire il titolo, perché il nome preferisco darlo, in forma definitiva, solo dopo la nascita.

 

Grazie, Luigi, e ovviamente auguri per questo tuo libro.

 

 

Addii d'un rosso inconscio

di Luigi Panzardi

Immagine di copertina di Luigi Panzardi

Magnetica Edizioni

http://www.magneticaedizioni.it/

info@magneticaedizioni.it

Narrativa – racconti

Pagg. 102

ISBN: 9788889889374

Prezzo: € 10,00

 

 

 

 

 

 

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011176711 »