Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  Luca Frudà e Logica sentimentale, edito da Il Foglio 19/01/2008
 

Intervista a Luca Frudà, autore della silloge “Logica sentimentale”, edita da Il Foglio Letterario di Piombino.

 

 

E' appena uscito il tuo ultimo lavoro, una silloge intitolata Logica sentimentale edita da Il Foglio Letterario di Piombino. Ce ne vuoi parlare? 

 

Dopo la mia precedente raccolta, Sole notturno, avevo continuato a scrivere poesie di diversa ispirazione e sentimenti. Del resto è proprio la consapevolezza del cambiamento (anche in senso storico) uno degli aspetti che credo sia nuovo in Logica sentimentale. Le due parti in cui l'opera è divisa, anche cronologicamente, derivano dalle incertezze e dalle esperienze che in quei momenti andavo vivendo. La prima parte vede, con cuore e mani quasi da chirurgo dell'anima, una saggezza che si fa incerta, la poesia divenire strumento per conoscere un'anima mai fin troppo esplorata, le vicende politiche di una società colpita da un temporale, un po' di ironia e l'osservazione di un caso che talvolta non è soltanto anagramma caos. Nella seconda parte si accentuano le controversie dell'esistenza, un'esistenza vissuta nel mezzo dei suoi cambiamenti più forti, come un grande amore che si tramuta in un profondo dolore e la riscoperta della consolazione della natura e degli amici.

 

 

La poesia non è mai staticità, nel senso che le dinamiche esterne e interne si riflettono inevitabilmente sull'aspetto creativo e finiscono con l'imporre nuove tematiche, ma anche diverse forme espressive. In questo senso, rispetto alla tua produzione di qualche anno fa, in Logica sperimentale c'è anche la sperimentazione di un nuovo linguaggio, oppure l'affinamento del precedente?

 

Certamente c'è nella mia poesia un continuo commuoversi della forma intorno alla materia. Il linguaggio non è mai del tutto nuovo e semmai sposa la causa del sentire. Così come una parola descrive un palpito. Il tutto deve avvenire nel modo più naturale possibile, perché sempre per me la poesia è stata una forma di comunicazione,  un modo per indagare e una rivelazione. La parola è dialogica.

 

 

E' notorio quanto sia indispensabile leggere per poter scrivere. Ebbene, secondo te, quali sono i poeti che più hanno marcato la tua formazione culturale e in che modo?

 

 

Inizialmente è  stata senza dubbio la poesia del Duecento e del Trecento (Petrarca in particolar modo) ad avermi accompagnato, anche se allora era forte anche l'influenza comunicativa della canzonetta moderna. Altri poeti, tra cui Leopardi e parzialmente Ungaretti e Montale, mi hanno successivamente affascinato per certi aspetti. Non è paradossale invece l'influenza di tanta prosa verghiana-pirandelliana. Tuttavia ci tengo a rimarcare anche lo sperimentalismo di tanti miei scritti e la tendenza a quello che si potrebbe definire un certo scontro metrico.

 

 

Sei ormai un autore d.o.c. de Il Foglio Letterario, nel senso che gli ultimi volumi editi sono tutti della casa editrice piombinese. C'è un motivo particolare e che cosa apprezzi di più di questa piccola, ma vitale e dinamica realtà editoriale?

 

Apprezzo moltissimo questa casa editrice perché mi ha dato la possibilità di pubblicare le mie opere con piena fiducia e libertà, nonché con continuità. In particolar modo devo ringraziare i direttori editoriali ma soprattutto l'editore Gordiano Lupi, che mi ha dato pieno sostegno e mi ha seguito anche nella pubblicazione di opere a tratti fortemente sperimentali. La seconda edizione di Sole notturno è stata una sorpresa per tutti e anche un merito particolare della casa editrice.

 

 

Progetti, ovviamente letterari, per il futuro: ce ne sono e in che cosa consisterebbero? 

 

Ho già scritto parecchi racconti, peraltro scritti parallelamente a Logica sentimentale e ad esso legati per diversi aspetti comuni. Alcune raccolte di racconti sono già pronte, mentre sto continuando a scrivere due diverse raccolte di poesie. Ho iniziato anche altre opere, ma ancora è troppo presto per poterne definire gli orientamenti.

 

 

Grazie, Luca, e tanti auguri per questo nuovo libro.

 

 

Logica sentimentale

di Luca Frudà

Copertina originale e fotografie di Luca Frudà

Edizioni Il Foglio

www.ilfoglioletterario.it

ilfoglio@infol.it

Poesia – silloge

Pagg. 182

ISBN: 978 - 88 - 7606 - 167 – 7

Prezzo: € 12,00

 

 

 
©2006 ArteInsieme, « 011176696 »