Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  L'intervista di Salvo Zappulla a Roberto Mistretta, autore di “Il canto dell'upupa”, edito da Cairo Publishing 30/04/2009
 

L'intervista di Salvo Zappulla a Roberto Mistretta, aurore del romanzo Il canto dell'upupa, edito da Cairo Publishing

 

 

Roberto, un romanzo forte il tuo, che tratta temi difficilissimi e va a scavare nei recessi più reconditi dell'animo umano. E' stato sofferto per te andare ad affrontare certi argomenti?


Hai colto nel segno. Si tratta di un libro molto sofferto scritto di getto alcuni anni fa per dare voce a tutti gli innocenti abusati e ricordo che mentre scrivevo, gli occhi si colmavano di lacrime. Ero rimasto sconvolto dai fatti accaduti in un quartiere di Palermo, tivù e giornali narravano gli orrori di bambini violentati per anni nei retrobottega di vecchie putie. Quelle abiezioni vennero fuori grazie a due coraggiosi sacerdoti che raccolte le confidenze dei fanciulli, presentarono denuncia. E fu allora che successe l'incredibile: i genitori piuttosto che scagliarsi contro i pedofili, se la presero coi sacerdoti, “rei” di avere infamato l'onore delle famiglie. Ma che onore può esserci in una famiglia che non difende i propri figli abusati? Fu come ricevere un colpo di maglio e mi resi conto che quei bambini stavano subendo una nuova violenza: non solo quella fisica e terribile di bestie senza cuore che si approfittavano della loro innocenza, ma anche quella più sottile e devastante delle famiglie che, piuttosto di stringersi attorno a loro ed aiutarli, gli toglievano la voce, negando i fatti. Nasce da qui Il canto dell'upupa, per dare voce a tutti gli innocenti che non hanno voce per gridare, perché come ben dice don Fortunato Di Noto, “I pedofili occupano gli spazi lasciati vuoti dai genitori”.


Tu sei un caso abbastanza atipico, hai conosciuto prima il successo in Germania e dopo sei entrato nella grande editoria in Italia. Come lo spieghi?


Come premessa generale va chiarito che in Germania e Austria si legge molto di più rispetto all'Italia e che i lettori tedeschi amano gli scrittori mediterranei verso i quali mostrano interesse e curiosità.
Esiste però un'altra spiegazione strettamente personale. Io nasco come scrittore proprio mentre scoppia il boom di Camilleri. Il successo dello scrittore di Porto Empedocle è così straordinario che in quel momento nessun editore vuole puntare su autori siciliani. Chi aveva avuto la fortuna di pubblicare prima, conquistandosi un proprio pubblico, ha continuato a pubblicare ma per i nuovi autori sono stati dolori. Io sono stato tra questi ed ho subito rifiuti per anni. Nel 2001 la svolta, dopo che un mio romanzo, tra le migliaia inviati, era arrivato nella cinquina dei finalisti al premio Alberto Tedeschi Giallo inedito Mondadori: un piccolo editore nisseno, Michele Vaccaro della gloriosa e purtroppo dismessa Terzo Millennio puntò sul mio protagonista, il maresciallo Saverio Bonanno, e pubblicò le prime due avventure della serie che, a causa di una distribuzione molto carente e limitata quasi esclusivamente alla Sicilia, si fecero però conoscere da un pubblico di nicchia, vinsero dei premi e furono bene accolti tra i giallisti. Era il maggio del 2003 quando Tecla Dozio mitica titolare della libreria del giallo di Milano presentò “Il canto dell' upupa al Salone del libro di Torino. Lì fui avvicinato da un'agente letteraria tedesca: Juliane Roderer che conosceva Tecla di fama. Comperò il libro, mi lasciò il suo biglietto da visita. Mesi dopo ci risentimmo, il libro le era piaciuto e diventò la mia agente. Propose i miei lavori in Germania e lì, grazie alla casa editrice Luebbe e all'editor Iris Gehrman ma anche al prezioso lavoro della mia traduttrice Katharina Schimidt, hanno trovato benevola accoglienza tra i lettori di lingua tedesca.


Quanto è importante oggi per uno scrittore avvalersi di agenti letterari capaci, e quanto sono stati importanti per la tua carriera il tuo agente tedesco Juliane Roderer e Roberta Oliva in Italia?


Come ho già detto prima, per me è stato di fondamentale importanza conoscere dapprima Juliane e quindi Roberta Oliva, straordinarie e capaci agenti che hanno preso per mano i miei lavori e li hanno portati all'attenzione dei grandi editori che, tradotto, significa capillare distribuzione su tutto il territorio nazionale, eccellenti e curatissimi cataloghi di presentazione, visibilità sulla stampa e quindi possibilità di farsi conoscere da un pubblico più vasto. In Roberta ho trovato un altro pilastro professionale per quanto riguarda la pubblicazione in Italia con un grande editore come Cairo, grazie alla lungimiranza della direttrice editoriale Marcella Meciani che ha poi passato la mano a Benedetta Centovalli e mi ha affiancato come editor Chiara Belliti. Del precedente romanzo è rimasta solo la struttura portante per il resto è stato riscritto totalmente: un lavoro lungo e meticoloso che si traduce nella scorrevolezza del testo. Ma quanta fatica e quanto lavoro ci sono dietro. Come ho detto in altre occasioni “Il canto dell'upupa” è un romanzo frutto di molteplici entusiasmi. Adesso spetta al lettore l'ultima parola.


Quali sono gli scrittori a cui ti ispiri? E quali le tue letture preferite?


Sono tanti gli scrittori e le scrittrici che amo per elencarli tutti ma non credo di ispirarmi a nessuno in particolare, ma se proprio devo indicare uno scrittore che amo particolarmente, allora cito Robin Wood, bravissimo autore argentino, autore di una serie incredibile di personaggi e dotato di fantasia senza limiti ma anche di una straordinaria sensibilità narrativa. Per il resto credo che uno scrittore debba trovare in se stesso la propria fonte di ispirazione. Per altro sono un lettore onnivoro che passa dai saggi ai libri per ragazzi, dall'ultimo romanzo pompato dai media al romanzo d'esordio di illustri sconosciuti, senza dimenticare la lettura di fumetti e riviste e quotidiani di ogni tipo, a riprova della mia instabile e disturbata personalità.


Cos'è per te la scrittura?


La scrittura è una scelta di vita. E' creazione, astrazione, poesia. Amo la parola scritta che prende forma compiuta sul foglio bianco o sullo schermo vuoto di una pagina world, e nel susseguirsi di concatenazioni logiche e armoniche che non di rado ti fanno penare per trovare il giusto equilibrio. Amo le parole che raccontano storie di vita vissuta, fanno palpitare personaggi, danno loro spessore e sentimenti. La scrittura è arte allo stato puro. Il linguaggio dei segni è la più grande conquista dell'uomo. Senza scrittura non ci sarebbe memoria né progresso, in una parola non avremmo passato e non avremmo futuro. E un giorno mi piacerebbe che venissi ricordato come un uomo che attraversò la vita scrivendo visto che scrivo per diverse ore al giorno, per un motivo o per un altro.


So che una importante radio tedesca ti ha chiesto un lavoro. Di che si tratta?


E' presto detto. Il regista free lance Felix Partenzi di Colonia, ha letto il mio “Das falsche Spiel des Fischers (Il gioco sporco del pescatore) ed è rimasto favorevolmente colpito. Lui sta sviluppando una serie di puntate che dovrebbe intitolarsi “KrimItalia” (GiallItalia) per la radio WDR seguita da una media di 100.000 ascoltatori a puntata. Il regista cercava autori da tutta Italia e per la Sicilia ha contattato me. Appena sarà deciso l'intero progetto bisognerà stendere una traccia entro la prossima primavera. Se il progetto andrà in porto sarò impegnato a scrivere il radiodramma nel corso dell'estate, la produzione lo allestirà in autunno/inverno e andrà in onda nella prima metà del 2009. Il manoscritto per il dramma dovrà avere una durata di 55 minuti ed abbiamo già scelto il tema: la cattura di Bernardo Provenzano. Col regista ci vedremo il prossimo aprile in Germania dove il 15 o il 16 sarò ospite (insieme a Santo Piazzese) dell'Istituto di Cultura Italiano all'estero per due serate culturali a Bonn e Colonia e dove dovrei tornare anche in estate, ospite a Berlino della manifestazione Giallo Mediterraneo.

 

 

Il canto dell'upupa

di Roberto Mistretta

Cairo Publishing

Narrativa romanzo

Pagg. 253

ISBN: 8860521157

Prezzo: € 15,00

 

A cura di Salvo Zappulla

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010643050 »