Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  L'intervista di Salvo Zappulla a Francesco di Domenico, autore di “Storie brillanti di eroi scadenti”, edito da Cento Autori 22/05/2009
 

Intervista di Salvo Zappulla a Francesco Di Domenico, autore di Storie brillanti di eroi scadenti, edito da Cento Autori.

 

Questa intervista è stata rilasciata in circostanze particolari: in una clinica psichiatrica del napoletano dove Di Domenico era ricoverato dopo il terzo tentativo di chiedere udienza al Santo Padre per pretendere lo scambio nelle immaginette di Gesù con quella di Carl Marx. E dove mi trovavo ricoverato anch'io, in quanto, credendo di essere il Santo Padre, gli avevo accordato la richiesta.


- Francesco, che bisogno c'era di questo libro? Non bastava già la Bibbia a educare i popoli?

 


Assolutamente no, fu il Sultano di Chieti a negare quest'assunto quando, durante la preghiera della sera, inciampando in una Bibbia ipocrita (basata anch'essa sui “si dice” e scritta da un consigliere comunale molisano) cadde dal minareto rovinando addosso alla sorella di un Muezzin, che restò incinta e generò Cat, che ha sua volta generò Tom, che generò Sam e furono tutti scritturati come comparse ne “I Dieci Comandamenti”, poi Tom & Cat furono assunti dalla Warner Bros.(Sam ha una gelateria a Beverly Hills).

 


- Perché la letteratura umoristica, secondo te, viene considerata ancora letteratura minore, semplice letteratura d' evasione, da consigliare tutt'al più ai detenuti?

 


Nel trattato di Antropologia della dott. ssa Jamie Lee Curtis: “Un Pesce di nome Wanda”, fu stabilito che l'umorismo abbatte le pulsioni sessuali dei coatti, dei ribelli e rende felici i fotografi che non sono costretti continuamente a chiedere: sorrida please!
Infatti, dopo l'acquisto di alcune centinaia di miei libri si è visto un notevole decremento della violenza sessuale nelle carceri italiane. In quelle americane il fenomeno è però rovesciato, si è sentito urlare in inglese (il libro è stato spedito senza traduzione): “Vieni qui secondino che te …”

 


- Dopo questo libro ti senti più un Masaniello o una Maria Teresa di Calcutta?

 


Leo Gullotta. Mi sento molto vicino all'arte di questo attore elisabettiano, anche se non mi sciacquerei la bocca col suo bicchiere, dopo che lui ha fatto i gargarismi.

 


- Quale tipo di suicidio ti sentiresti di consigliare ai tuoi tre lettori dopo aver letto il libro?

 


La vita è fatta di scelte caro Zappulla, io gli metterei su di un piatto uno spogliarello di Rosy Bindi e Marina Sereni con la telecronaca di La Russa (Costretti a tenere gli occhi aperti) o dormire nel letto con Valeria Marini, incatenati alla spalliera.

 


- So per certo che in questo momento Achille Campanile si sta rivoltando nella tomba. Riesci a intuirne il motivo?

 


Bhe. Non c'è nessuno che gli rimbocca la lapide.

 

 

 

 

 

Storie brillanti di eroi scadenti

di Francesco Di Domenico

Cento Autori Edizioni

www.centoautori.it

Narrativa racconti

Pagg. 160

ISBN: 9788895241548

Prezzo: € 12,00

 

 
©2006 ArteInsieme, « 010643193 »