Area riservata

Ricerca  
 
Cookies Policy  
 
Diritti d'autore  
 
Biografia  
 
News  
 
Canti celtici  
 
Il cerchio infinito  
 
Bell'Italia  
 
Poesie  
 
Racconti  
 
Scritti di altri autori  
 
Editoriali  
 
Recensioni  
 
Letteratura  
 
Libri e interviste  
 
Freschi di stampa  
 
Intervista all'autore  
 
Il mondo dell'editoria  
 
Le Agenzie Letterarie  
 
Fotografie  
 
 
 

  Libri e interviste  »  L'intervista di Salvo Zappulla ad Anna Li Vigni, autrice di “Da bere agli assetati”, edito da Di Girolamo 05/06/2009
 

Intervista di Salvo Zappulla ad Anna Li Vigni, auttrice del romanzo “Da bere agli assetati”, edito da Di Girolamo.

 

Anna, come ti è venuta l'idea di scrivere un libro dedicato all'acqua?


Essendo tornata a vivere a Palermo dopo alcuni anni a Milano e in Germania, ho preso un appartamento in una zona popolare del centro e ho improvvisamente riscoperto il magnifico mondo della mancanza d'acqua, dei motorini, delle cisterne di raccolta, degli idraulici da chiamare di continuo. Poi, in questi ultimi anni, la situazione si è “normalizzata” da questo punto di vista, almeno nelle zone centrali della città. Ma io avevo già scritto il romanzo e Palermo ha continuato a sembrarmi una città poco normale, perciò ho deciso di pubblicarlo lo stesso. Inoltre il problema dell'acqua è solo una metafora un poco originale per raccontare un mondo metropolitano, un modo di essere della città. L'input me l'ha dato un mio amico olandese che, facendo un giro su google maps sulla città di Palermo, ha notato con curiosità e ironia, tutte le cisterne azzurre sui tetti dei palazzi. Un'immagine surreale.


Questo romanzo è più dramma o commedia?


Dramma o commedia è una definizione che si può dare più a un testo teatrale che non a un romanzo. In ogni caso, l'impronta è assolutamente ironica e scanzonata, leggera, proprio perché la realtà descritta – cioè la vita quotidiana di una persona normale in una città per nulla normale - è pesante in tutti i sensi. Dunque prevale il comico, ma spesso l'ironico cede il posto al sarcastico e al grottesco, per via dell'inevitabile ed evidente tragicità di alcune situazioni locali, soprattutto del centro storico di Palermo.


Cos'è per te la scrittura?


E' un esercizio critico prima di tutto, che richiede una fatica mortale, perché durante le tue riflessioni sulla realtà, sul modo di essere dei tuoi personaggi, sul mondo che andrai a rappresentare per via letteraria, metti in discussione la tua visione del presente e del futuro. E poi si tratta di un esercizio pratico anch'esso molto faticoso: non credo nella scrittura di getto e nell'ispirazione improvvisa. Ci vuole un progetto, ci vuole molta riflessione, ci vuole un esercizio assiduo di scrittura e composizione, ci vuole avere la lucidità di rivedere mille volte il testo per migliorarlo ed emendarlo. D'altronde, anche Dio, se avesse potuto, l'universo l'avrebbe creato in un giorno solo: invece ha avuto bisogno di ben sei giorni. Figuriamoci uno scrittore, di quanto tempo e di quanta energia può avere bisogno per creare i suoi piccoli mondi.


Cosa ne pensi del fatto che si vogliono affidare ai privati i servizi idrici dei Comuni?


Penso che non cambierà molto. Prima i comuni esercitavano una “mediazione” piuttosto incisiva, ora saranno interamente responsabili. Forse potrebbe significare un leggero miglioramento per le realtà minuscole, ma non per le grandi città, dove gli investimenti ingenti attirano su di sé maggiore interessa da parte dei politici. L'individuo rimarrà sempre a guardare, qualsiasi cosa succeda nel bene e nel male. Ma penso che per molti cittadini siciliani, stare a guardare cosa fa chi governa in vece loro sia una scelta consapevole: credo ne siano contenti.


Cosa ne pensi dei siciliani, e dei palermitani in particolare?


Detesto citare Sciascia ma, per quanto sia scontato, devo farlo. La Sicilia è un'isola di isole. Ogni città, ogni paese è un'isola a sé stante. Dunque degli altri siciliani non posso dire nulla di preciso che non sia frutto di semplice impressione. Dei palermitani dico che sono persone piene di talento e a volte di genio ma, per quanto concerne averci a che fare per lavoro, trovo sia più proficuo e gradevole incontrarli fuori dalla Sicilia.

 

 

Titolo: Da bere agli assetati
Autore: Li Vigni Anna
Editore
: Di Girolamo
Prezzo: € 15.00
Data di Pubblicazione: 2008
Collana: Punto e virgola
ISBN: 888777837X
ISBN-13: 9788887778373
Pagine: 184

 
©2006 ArteInsieme, « 010642945 »